Scuola. Furlan: "La storia è un bene comune. Giusto firmare l’appello manifesto di Camilleri, Giardina, Segre"

28 aprile 2019 – Anche la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, ha sottoscritto l’appello - manifesto lanciato, dalle pagine di Repubblica, da Andrea Camilleri, Andrea Giardina e Liliana Segre, dal titolo “La Storia è un bene comune”, in cui si chiede di ripristinare la traccia di Storia all’esame di maturità, di non diminuire le ore di insegnamento nelle scuole e di non trascurare l’insegnamento universitario della disciplina.

L’appello è stato firmato da studiosi, intellettuali, scrittori, artisti, personaggi della cultura e dello spettacolo di diverso orientamento. “Ignorare la nostra storia vuole dire smarrire noi stessi, la nostra nazione, l’Europa ed il mondo”, scrive su twitter la leader Cisl Annamaria Furlan annunciando l’adesione all’appello.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa