Spread. Furlan: "Una battuta brucia miliardi, degli italiani e delle italiane. Ci vuole piu' serietà. Bisogna pensare ai veri bisogni della gente a partire dal lavoro"

Sesto San Giovanni, 15 Maggio 2019 - "Una battuta brucia miliardi, degli italiani e delle italiane. Ci vuole piu' serietà". Cosi' Anna Maria Furlan, Segretaria generale della Cisl, questa mattina all'inaugurazione della seconda edizione della Scuola Sindacale Permanente a Sesto San Giovanni, rispondendo alla domanda dei giornalisti se fosse preoccupata dalle tensioni nel governo e dall'aumento dello spread. "Noi abbiamo bisogno che il governo pensi ai bisogni veri degli italiani, a partire dal lavoro, tutto il resto viene dopo" ha detto la leader della Cisl ricordando che "per gli italiani la preoccupazione piu' grande è il lavoro, che è dignità e quel diritto vero di cittadinanza che ti fa esistere in termini postivi in questo paese". 

E ai cronisti che le chiedevano se fosse convinta dalle misure contenute nel Decreto Crescita: "Mi convincerebbe molto di più - ha risposto - se finalmente venissero sbloccate immediatamente tutte le opere pubbliche, grandi, medie e piccole, che oggi sono bloccate. Tutto quello che il governo vuole mettere in campo, a partire dallo sblocca cantieri, in realtà non sbloccherà proprio niente" ha spiegato. "Ci vuole la volonta' politica di dire che quell'intervento, sbloccare le opere e quindi sbloccare 400mila posti di lavoro, è quello che serve al Paese. Meno chiacchiere e piu' fatti".
Quanto al reddito di cittadinanza " Siamo ancora quasi all'anno zero" ha detto. Mi sembra ancora molto lontano concepire il reddito di cittadinanza come un passaggio al lavoro . E' stata evidentemente una boccata di ossigeno per chi ne ha avuto diritto, - ha aggiunto - e questo è importante in un paese dove la povertà è molto molto alta".

E alla domanda se sia possibile superare il vincolo del 3%, tema rilanciato ieri dal vicepremier e leader della Lega Matteo Salvini: "Credo che si debba discutere con l'Europa e che si debba iniziare a dire con chiarezza, in alleanza con i Paesi europei, che quando si investe in crescita, innovazione e ricerca, questi investimenti non devono essere computati nel rapporto deficit/pil perché la crescita è determinante per il futuro degli europei. Questa è la vera riforma da fare dentro l'Europa, ma stando con l'Europa e non contro"- ha concluso la leader della Cisl. 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa