Lavoro. Furlan: "Dati Inail su aumento morti sul lavoro confermano gravita’ situazione"

26 giugno 2019- “I dati di oggi dell’Inail confermano la gravita’ della questione sicurezza nel nostro paese. Anche oggi e’ morto un giovane lavoratore di appena 36 anni in un cantiere edile sulla A31. Un fatto che addolora tutti e per il quale non basta il doveroso e commosso cordoglio alla famiglia. L’aumento del 4% degli incidenti mortali sul lavoro nel 2018 e del 6% nei primi mesi del 2019 non e’ dovuto ad una fatalita’. Non si fa la giusta prevenzione e non si rispettano le regole. E lo sblocca cantieri rischia di peggiorare la situazione”. Lo scrive su facebook la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, sulla relazione dell’Inail sulla sicurezza

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa