Ticket: Ganga: "Il tema va affrontato nel contesto di una riorganizzazione del sistema sanitario nazionale"

2 ottobre 2019- “La riorganizzazione del sistema dei ticket dovrà essere sviluppata in direzione di una maggiore equità e giustizia sociale, tutelando le fasce di popolazione più fragili e con un occhio rivolto alla cronicità ed all’interno di un contesto di riforma complessiva del sistema sanitario nazionale”. Lo sottolinea il Segretario confederale Cisl, Ignazio Ganga. “E’ necessario, in primis, il superamento del Superticket che risulta essere una ‘vera’ tassa per le famiglie e che ha comportato il disincentivo alla cura per milioni di cittadini meno abbienti. Riteniamo che la rivisitazione del sistema di esenzione e di compartecipazione debba svilupparsi sul solco di un piano che, oltre a porsi il problema del contributo al sistema salute, si ponga quello di superare le numerose criticità che impediscono l’accesso dei cittadini alle prestazioni ed ai servizi, a partire dalle lunghe liste di attesa. Per la Cisl è necessario, quindi, sviluppare al più presto, una politica complessiva che, dal rafforzamento del finanziamento pubblico del sistema sanitario – attualmente sotto finanziato - completi il ‘pacchetto’ dei nuovi Lea per renderli realmente esigibili su tutto il territorio nazionale. La sanità deve ritornare ad essere una delle priorità nell’agenda del nuovo Governo, sarà quindi il confronto sul Patto per la Salute l’occasione per valutare le scelte più appropriate da realizzare. Su questo tema abbiamo chiesto al Governo di aprire immediatamente un confronto di merito con le organizzazioni sindacali per definire gli interventi e le modalità necessarie al rafforzamento rilancio del sistema universalistico pubblico con livelli di adeguatezza in tutte le regioni del Paese”.

Stampa