• Notizie
  • Comunicati stampa

Whirlpool. Furlan: "Il 31 saremo in piazza a Napoli con i lavoratori. La situazione occupazionale è una polveriera"

28 ottobre 2019 - “La Cisl sarà in piazza a Napoli il 31 ottobre convintamente al fianco dei lavoratori dell’industria e del terziario. Sarà un momento di grande mobilitazione del sindacato. Per troppi mesi la vertenza Whirlpool è stata messa nel cassetto. Napoli e la Campania non possono permettersi di perdere posti di lavoro. Non faremo sconti a nessuno”. Lo ha detto oggi a Sant’Angelo dei Lombardi in provincia di Avellino la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, al Consiglio generale della Cisl Irpinia Sannio.
“Le vertenze industriali non hanno avuto da parte del Governo quel monitoraggio costante e quella giusta attenzione che invece ci doveva essere. Un grave errore. Parliamo di 170 vertenze aperte, molte delle quali riguardano la Campania ed il destino di centinaia di migliaia di lavoratori. La situazione occupazionale a Napoli ed in gran parte della Campania è una polveriera. Bisogna far partire subito i cantieri e le opere infrastrutturali già finanziate. Qui c’è una crescita zero come in tutte le regioni del sud, ci sono città che si spopolano ed il Governo è stato finora incapace di programmare un concreto piano industriale”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa