• Notizie
  • Comunicati stampa

Lavoro. Sbarra: "Quadro critico, ora assicurare tutele fino a fine anno su cui innestare un piano strategico di innalzamento competenze con le risorse europee"

27 agosto 2020 - “I dati diffusi oggi dall’Inps offrono un quadro molto critico”. Lo dichiara in una nota il Segretario Generale aggiunto della Cisl, Luigi Sbarra.
“Nonostante il blocco dei licenziamenti,  la differenza tra le assunzioni e le cessazioni di rapporti di lavoro negli ultimi dodici mesi, già in progressiva flessione nella seconda metà del 2019, è rapidamente peggiorato a causa dell’emergenza sanitaria, con 742.000 posizioni lavorative in meno nell’ultimo anno, soprattutto a causa delle cessazioni di contratti a termine. Contemporaneamente è esploso l’utilizzo della cassa integrazione, con un ordine di grandezza neppure paragonabile allo stesso periodo dell’anno precedente: dopo il picco di maggio,  nei mesi di giugno e di luglio, in seguito alle riaperture,  le ore sono quasi dimezzate, ma restano attestate su una quantità elevatissima. Così come sono fortemente aumentate la Naspi e soprattutto la DisColl, rispecchiando quest’ultimo dato l’impatto del covid sul lavoro autonomo.
A fronte di tale quadro le nostre richieste prendono maggiore forza: le nuove settimane di cassa integrazione covid devono essere strutturate in modo tale da n
on lasciare periodi scoperti finoa fine anno per le aziende che ne necessitano, così come sino  a fine anno va mantenuto, senza margini di ambiguità interpretative,  il blocco dei licenziamenti. Inoltre vanno prorogate le indennità Covid per tutte le categorie, ovviamente a condizione che non sia ripresa l’attività, mentre il decreto agosto ne ha lasciate fuori alcune, in particolare gli operai agricoli, i lavoratori domestici e gli autonomi, da recuperare in fase di conversione in legge del provvedimento.
Alla tutela del reddito, la quale, non va dimenticato, ha anche un importante effetto di contenimento della riduzione dei consumi, vanno affiancate efficaci misure per rilanciare crescitainvestimenti  e per sostenere occupabilita’ e miglioramento delle  competenze, altrimenti il rischio è di trovarci con centinaia di migliaia di cassintegrati o disoccupati non rioccupabili.
Gli oltre 27 miliardi di euro del Fondo Sure in fase di assegnazione  all’Italia vanno utilizzati con un piano strategico che metta insieme  proroga degli ammortizzatori sociali , rimodulazione degli orari di lavoro  ed interventi sulle politiche attive   con  percorsi di formazione , riqualificazione, ricollocamento delle persone” .
 

Stampa