• Notizie
  • Comunicati stampa

Riders. Sbarra: "Accordo Assodelivery sbagliato, ritornare nel solco della responsabilità"

Roma, 23 settembre 2020- “L’accordo siglato da Assodelivery è sbagliato, condanna le persone alla precarietà e gioca al ribasso su retribuzioni e tutele. Tra l’altro, ai lavoratori non verranno retribuite malattia, tredicesima, ferie e la maternità e quando avranno raggiunto il tetto retributivo massimo per le collaborazioni occasionali potranno essere allontanati senza colpo ferire". Lo dichiara in una nota il Segretario Generale Aggiunto della Cisl, Luigi Sbarra, in vista dell' incontro di domani con il Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo sui riders.
"Si tratta di distorsioni inaccettabili, che non hanno nulla a che fare con una buona flessibilità che solo un buon contratto può definire. Si deve tornare subito al tavolo di negoziato per riprendere e sostenere un cammino fatto di tutele piene e buone relazioni industriali. Assodelivery deve rientrare nel solco della responsabilità e costruire con il sindacato confederale un contratto davvero tutelante e rappresentativo. Il riferimento non può che essere il CCNL della logistica, sottoscritto dalle nostre Federazioni nel 2018, che integra tutte le garanzie salariali, normative e di welfare, supera la logica del cottimo e può essere adattato e armonizzato a specifiche esigenze di flessibilità del settore. E’ da lì che bisogna ripartire nel segno della condivisione, della corresponsabilità e della buona rappresentanza”. 

Leggi anche:

Riders, Cgil Cisl Uil: 'No al contratto sbagliato Riders, Cgil Cisl Uil: 'No al contratto sbagliato" - Il Volantino con le rivendicazioni al centro della mobilitazione di Cgil Cisl Uil
23 settembre 2020 -  "Il contratto nazionale siglato da Assodelivery e Ugl il 15 settembre scorso è un accordo di dubbia legittimità che invece...

Stampa