• Notizie
  • Comunicati stampa

Scuola. Colombini: "Occorre confronto serio su piano per gli istituti tecnici superiori non scelte solitarie del ministro Azzolina"

22 Ottobre 2020 - E’ piu’ che mai necessario utilizzare anche le risorse del Recovery Fund per dare una svolta alla filiera professionalizzante terziaria non accademica, gli ITS, ed ampliare sensibilmente il numero di studenti coinvolti. Ma questo non si fa ancora una volta con scelte unilaterali e solitarie del Ministro dell’istruzione Azzolina come apprendiamo dai giornali”. Lo sottolinea il segretario confederale della Cisl Angelo Colombini. “ Anche noi riteniamo prioritario avviare un piano nazionale per l’orientamento nei passaggi tra cicli di istruzione per far conoscere la filiera di istruzione e formazione professionale sia statale che regionale ma soprattutto per abbattere i divari territoriali nella disponibilità e qualità dell’offerta formativa. Sarebbe anche opportuno potenziare il collegamento tra le diverse filiere e garantire passaggi agevoli che spingano i ragazzi a restare nei percorsi di istruzione, fino ad arrivare all’istruzione terziaria, aumentando così la percentuale di popolazione con un titolo di istruzione terziaria ancora troppo bassa nel nostro Paese.

Ci piacerebbe che la Ministra parlasse di questo piano con le parti sociali, attori determinanti per il successo di questa filiera formativa e per declinare, adattare le figure professionali in uscita ai sempre più veloci cambiamenti del sistema economico e sociale, alle sfide che l’innovazione tecnologica e l’economica verde e sostenibile pongono al mercato del lavoro.
Chiediamo inoltre alla ministra di riavviare i lavori della Commissione Nazionale per il coordinamento dell’offerta formativa degli Its, che non si riunisce da anni, che racchiude al suo interno tutti gli attori che concorrono alla governance degli Its e che è una sede di confronto importante per lo sviluppo dell’istruzione tecnica superiore”.’

Stampa