• Notizie
  • Comunicati stampa

Lavoro. Sbarra: "Governo dia continuità al tavolo su autonomi atteso da tre anni, rafforzi la DisColl e istituisca reti di protezione per le partite Iva iscritte a gestione separata"

17 dicembre 2020 - "A tre anni dalla sua istituzione, la ministra del Lavoro Catalfo ha attivato il tavolo sul lavoro autonomo, ma ora bisogna dargli continuità: serve un luogo partecipato di confronto e decisione che affronti le problematiche di lavoratori duramente colpiti dalle ripercussioni della pandemia e, più in generale, vittime di un progressivo indebolimento che viene da lontano". A chiederlo, in un comunicato, è Luigi Sbarra, segretario generale aggiunto Cisl, dopo un incontro tra sindacati e la Ministra sul lavoro autonomo.
"Di fronte al ruolo sempre più rilevante dei professionisti iscritti alla Gestione separata ed al netto incremento di una fascia di lavoro autonomo debole - aggiunge - non sono più giustificate distrazioni di istituzioni, politica e sindacati, a partire dal bisogno di istituire una misura di sostegno al reddito in caso di calo significativo di fatturato, come chiede la Cisl da anni".
"Abbiamo chiesto di rafforzare la DisColl, l’indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi, estendendo la contribuzione figurativa ed il principio di automaticità delle prestazioni. Va inoltre individuato uno strumento per sostenere le perdite di reddito dei collaboratori a Partita Iva iscritti alla Gestione separata Inps: una soluzione potrebbe essere quella costruita dal Cnel con il concorso di tutte le parti sociali". "In ogni caso, serve una rete di protezione finanziata in via assicurativa, in modo che tutti i lavoratori contribuiscano, individuando apposita aliquota di finanziamento, nonché equi criteri di eleggibilità, con uno stretto collegamento con la formazione. Su quest’ultimo punto la Ministra si è impegnata ad inserire in Legge di Bilancio una misura con un finanziamento adeguato. La Cisl ha inoltre colto l’occasione per chiedere di prorogare le indennità Covid per i lavoratori autonomi che dopo il decreto Agosto non sono state rinnovate", conclude Sbarra.

Stampa