• Notizie
  • Comunicati stampa

Agroalimentare. Voucher, Sbarra (Fai Cisl): "Sciagurato l'innalzamento della soglia di retribuzione in agricoltura"

Roma, 13 giugno 2016. Una misura "sbagliata, iniqua, in grado da sola di smantellare e destrutturare il rapporto di lavoro subordinato in agricoltura, e che pertanto va rimossa". E' il duro giudizio di Luigi Sbarra, Segretario Generale della Fai Cisl, in merito all'innalzamento del tetto massimo consentito per la remunerazione in agricoltura attraverso i voucher, introdotto nell'ultimo Cdm. "L'estensione fino a 7mila euro dei buoni per lavoro occasionale - aggiunge il leader della Fai Cisl - configurerebbe una vera tipizzazione che colpirebbe le contrattualizzazioni, promuovendo forme di lavoro che negano il diritto all’assistenza, al Tfr, alla malattia, agli ammortizzatori sociali. La strada da percorrere va nel senso opposto: occorre ridurre il volume consentito, controllare l'effettivo rispetto della legge, affidare alla contrattazione la definizione delle nuove regole. La questione va affrontata nel suo complesso, definendo limiti invalicabili, che riconoscano le specificità del lavoro occasionale agricolo, che vive di stagionalità e di rapporti di brevissima durata". "Il messaggio che si dà con questa operazione sciagurata - sottolinea ancora Sbarra - è totalmente contraddittorio rispetto al virtuoso lavoro condotto in questi mesi a contrasto del caporalato. Più volte la Fai Cisl è ha lanciato l'allarme, illustrando i gravi pericoli connessi a tale miope iniziativa. Dopo l'ultimo consiglio dei ministri torniamo a incalzare l'esecutivo affinché ritorni sui suoi passi assicurando almeno il ritorno al regime dei duemila euro. Lo facciamo insieme alle altre Federazioni di Categoria inviando una lettera ai ministri competenti e promuovendo e sollecitando la richiesta di uno specifico emendamento al provvedimento governativo. E lo faremo il 25 giugno, scendendo in piazza a Bari per sostenere il diritto in agricoltura a un lavoro ben tutelato e retribuito", conclude Sbarra.

Leggi anche:

Censis. Sbarra (Fai Cisl): Censis. Sbarra (Fai Cisl): "Determinanti fattori di integrazione e cittadinanza per i lavoratori immigrati"
Roma, 1 dicembre 2017. “I risultati del Censis ci raccontano di un Paese diviso tra voglia di riscatto e risentimento sociale: una transizione da...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa