• Notizie
  • Comunicati stampa

Primo Maggio. Una delegazione della Fai Cisl a Portella della GInestra per ricordare chi si oppose allo sfruttamento

“Per onorare la memoria di Portella della Ginestra il Governo ha una grande occasione: dare piena attuazione alla legge contro il caporalato. Noi della Fai saremo lì, e in tanti, per riportare all'oggi la lotta e il sacrificio di contadine e contadini, donne e uomini, ragazze e ragazzi, che settant'anni fa si ribellarono al sopruso dei proprietari terrieri, allo sfruttamento del lavoro sui campi, alla violenza della mafia. E lo fecero pagando, con la vita, il prezzo più alto”.

Così Luigi Sbarra, segretario generale della Fai, annunciando la partecipazione di un'ampia delegazione della Federazione agroalimentare-ambientale della Cisl a29
“Tanti i traguardi da allora - aggiunge il sindacalista -, tanti i diritti conquistati dai lavoratori attraverso la mobilitazione sindacale. Tuttavia la guardia resta alta, e l'impegno del mondo del lavoro, della Cisl e della Fai sicuramente, non fa un passo indietro. Restiamo vigili e reattivi sul terreno della piena affermazione delle tutele, del rispetto e dell'applicazione dei contratti di lavoro in agricoltura, del contrasto ad ogni forma di sfruttamento. Un'iniziativa forte, quotidiana, che si declina ad ogni livello, e che ha portato alla mèta della Legge 199 contro il caporalato: vittoria fondamentale, ottenuta grazie ad una progressiva e forte mobilitazione culminata con la manifestazione di un anno fa a Bari, che ha visto più di 15 mila braccianti sfilare per difendere diritti e condizioni di vita”.
La nuova legge “può davvero rappresentare uno spartiacque della battaglia contro aguzzini, caporali e intermediari che lucrano sulla pelle di centinaia di migliaia di lavoratori agricoli italiani e stranieri. Per questo la Festa dei Lavoratori è per noi anche un'occasione in più per chiedere al Governo di percorrere l'ultimo miglio di questo cammino, attuando subito e definitivamente le leve sociali contenute nel provvedimento. Non c'è altro tempo da perdere se si vuole impedire a pericolose e ingiustificate pressioni da parte di lobby di rallentare la piena e doverosa applicazione di una legge di civiltà. Ricordare i martiri di Portella vuol dire esserci e marciare insieme, ma anche assumere comportamenti coerenti”, conclude Sbarra.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa