• Notizie
  • Comunicati stampa

Concessionarie autostradali. Lunedì sciopero contro il licenziamento dei 3000 dipendenti

7 Luglio 2017 -  “L’approvazione del nuovo Codice Appalti  rischia di determinare a breve il licenziamento dei 3.000 dipendenti delle società impegnate nella manutenzione e progettazione delle autostrade, perché le nuove norme hanno introdotto per le concessionarie un limite nell’esecuzione diretta dei lavori”.  Tutelare l’occupazione e continuare così a garantire la sicurezza della rete autostradale del Paese. È l’obiettivo dello sciopero dei lavoratori delle concessionarie autostradali, proclamato per lunedì 10 luglio dai sindacati di categoria FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil.Il grido d’allarme dei sindacati era stato recepito nel decreto correttivo, nel quale la manutenzione era stata esclusa dalle percentuali di attività da affidare con gara. Invece il testo finale, a sorpresa e contro il parere dello stesso Mit, ha ripristinato l’obbligo di mettere in gara l’80% dei lavori dei concessionari autostradali. “Lunedì sono previsti presidi in 4 punti della rete autostradale: a Tortona (provincia di Alessandria), Firenze, Pescara, Frosinone. Ci dispiace per eventuali rallentamenti al traffico ed i conseguenti disagi per gli automobilisti, ma ci preme far sapere che qui non si tratta unicamente di evitare un vero disastro sociale per 3.000 famiglie, ma ne va della qualità del lavoro e delle prestazioni effettuate nella manutenzione delle autostrade. Il rischio – accusano Feneal, Filca, Fillea – è che ad assicurare le manutenzioni siano aziende non qualificate, con seri problemi di sicurezza per i milioni di automobilisti che utilizzano le nostre autostrade”. Dai sindacati e dalle Rsu, infine, arriva un appello al ministro Calenda: “Bisogna dare risposte celeri e certe a questo problema, e quindi chiediamo al titolare del Mise di convocare un tavolo urgente che affronti la crisi delle aziende controllate dalle concessionarie, imprese che danno occupazione a figure professionali e qualificate e che rappresentano, per il settore edile, il principale comparto industriale”.

 

 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa