• Notizie
  • Comunicati stampa

Sanità. Papotto (Cisl Medici): "Ultima chiamata al ravvedimento della politica"

Roma, 16 Novembre 2017. “Abbiamo cercato di scriverlo, di gridarlo . Lo temevamo. Abbiamo anche tentato di raggiungere con la nostra voce il maggior numero possibile di interlocutori, con la stampa, la radio, la televisione, Internet, perché il messaggio arrivasse a tutti i destinatari interessati". E i “destinatari interessati” sono TUTTI gli italiani. Si, perché la sanità pubblica è allo sfascio, per esclusiva responsabilità della politica che – a tutti i livelli, locale e nazionale – ha sempre tagliato le risorse umane e strumentali senza tenere in alcun conto le segnalazioni sempre più accorate ed urgenti dei professionisti che ogni giorno hanno comunque supplito, con il loro lavoro sempre più gravoso e difficile, alle carenze provocate da quella mala gestione. – Lo ha dichiarato Biagio Papotto, Segretario Generale CISL Medici, che ha così proseguito - non si può più sprecare un solo giorno per fornire risposte precise ad attese circostanziate e pressanti. Il “sistema salute” in Italia DEVE avere risorse ed attenzione almeno pari a quelle che altri Paesi europei garantiscono; Paesi che – è bene puntualizzarlo ogni volta – spendono molto più dell’Italia, che ha invece un SSN di livello assoluto, e come tale riconosciuto in tutte le assise mondiali. Le risorse economiche previste – prosegue Papotto - sono gravemente insufficienti; il precariato è bel lungi dall’essere superato; ci sono e saranno sempre meno medici specialisti; le condizioni di lavoro sono sempre meno garanzia di poter assicurare la necessaria attenzione verso tutti i pazienti: i LEA, Livelli Essenziali di Assistenza, saranno sempre più da intendersi come Livelli Eccessivi di Abbandono, tra poco tempo. Adesso basta. Il comunicato emesso ieri a firma dell’assoluta maggioranza delle sigle dei medici e veterinari del SSN - conclude Papotto - si pone come ultima chiamata al ravvedimento della politica, una parte del Paese che deve avere come unico proprio riferimento il benessere dei cittadini che hanno – col proprio voto – legittimato alcune persone ad agire. Altrimenti si lascia il posto a qualcuno più capace. E faremo di tutto per individuare qualcuno più degno della nostra fiducia. La legge di bilancio sarà la cartina di tornasole. Vogliamo fatti, non promesse. Non più”.

Leggi anche:

Sanità. Papotto (Cisl Medici): Sanità. Papotto (Cisl Medici): "Disponibili a proseguire le trattative ma no ad una pretestuosa esclusione"
Roma, 27 Settembre 2017 - Con riferimento a notizie di stampa lette in data odierna, Biagio Papotto - Segretario Generale CISL Medici - precisa quanto...
Sanità. Papotto (Cisl Medici): Sanità. Papotto (Cisl Medici): "Abbiamo bisogno di fatti"
  Roma, 2 novembre 2017. L’inanità governativa sul versante della pubblica amministrazione ha prodotto – in questi ultimi decenni –...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa