• Notizie
  • Comunicati stampa

Sanità. Furlan: "Medici italiani meritano più rispetto. Sostegno alla giusta protesta di domani"

Roma, 11 dicembre 2017.  “I medici italiani meritano più rispetto da parte delle istituzioni pubbliche e dalla politica. Bisogna fermare i tagli continui alla spesa ed alle prestazioni sanitarie che avvengono spesso sulla pelle dei cittadini più deboli e bisognosi. Per questo la Cisl sarà a fianco di tutti i medici nella loro protesta di domani”. Lo sottolinea la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, alla vigilia dello sciopero di domani dei medici, dirigenti sanitari, strutturati e precari.   
“Bisogna garantire i necessari finanziamenti al Fondo sanitario nazionale, rinnovare presto il contratto bloccato da otto anni con le giuste risorse e poi stabilizzare i tanti, troppi medici precari che si occupano negli ospedali pubblici della salute delle italiane e degli italiani. Servono più medici in Italia. E’ una vera emergenza. Le carenze di organico, soprattutto di specialisti, mettono a rischio la garanzia del servizio pubblico, obbligando i medici a turni di lavoro molto pesanti, con inevitabili  ripercussioni sulla salute dei pazienti, sulle lunghe liste d'attesa e sulla certezza di avere servizi efficienti e moderni in tutto il territorio nazionale”.   

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa