• Notizie
  • Comunicati stampa

Lavoro. Furlan: "Detassare fondi per favorire partecipazione. Serve svolta contro sfilacciamento della società"

Milano, 5 febbraio 2018. "Il nuovo parlamento detassi i fondi contrattuali per far decollare la partecipazione azionaria nelle imprese". A chiederlo, la Segretaria generale della Cisl,  Annamaria Furlan,  durante  un convegno della Fondazione Unipolis, spiegando che, in merito alla partecipazione dei lavoratori nelle imprese "serve una svolta". "I processi di partecipazione dei lavoratori e di democrazia economica - aggiunge - servono per ricucire una società che si sta sfilacciando". Secondo Furlan, "i tempi sono ormai maturi, non è solo una scelta legislativa che bisogna fare, ma è la scelta strategica di un modello democratico di crescita competitiva e di qualità che vuole avere un Paese". "Lo deve fare la politica - aggiunge - ma lo devono fare anche la parti sociali". "Occorrono - indica - regole fiscali chiare e più vantaggiose per favorire i processi di partecipazione" in quanto "solo il 3% dei fondi contrattuali oggi investe nel nostro paese e non è possibile che i fondi contrattuali siano tassati come le rendite finanziarie".

"Purtroppo - prosegue Furlan - nel nostro Paese, nonostante qualche timido esperimento, siamo in ritardo sulla partecipazione dei lavoratori nelle imprese, siamo fermi al protocollo Prodi della fine degli Anni Ottanta, ben lontani dalla grande lezione economica e sociale della Germania". La Segretaria della Cisl parla di "errore" nel "non riconoscere il lavoro come elemento di sviluppo". A suo dire "bisogna creare un sistema di regole fiscali che agevolino l'investimento dei fondi contrattuali dei lavoratori nell'economia reale, proprio per andare oltre la partecipazione organizzativa. Per questo serve un colpo d'ala del Parlamento insieme a relazioni industriali partecipative, come contiamo di fare nel nuovo modello contrattuale che stiamo discutendo con Confindustria". "Le imprese - conclude - dove ci sono forme solide hanno fatto crescere la qualità del lavoro, la produttività ed i salari".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa