• Notizie
  • Comunicati stampa

Donne. Furlan: "Appello di Papa Francesco contro prostituzione e tratta scuota le coscienze di tutti"

19 marzo 2018. "L'appello rivolto oggi da Papa Francesco alle istituzioni a combattere la tratta e la prostituzione deve scuotere le coscienze di tutti e non puo' cadere nel vuoto. E' inumano lo sfruttamento di tante ragazze costrette a prostituirsi lungo le strade delle nostre citta' nell'indifferenza di tutti". Lo dichiara la Segretaria Generale della Cisl Annamaria Furlan che commenta le parole di Papa Francesco contro lo sfruttamento della prostituzione. "Al nostro ultimo congresso abbiamo lanciato la campagna contro la tratta delle donne schiavizzate condividendo la battaglia della associazione Papa Giovanni XXIII", fondata da don Oreste Benzi e da sempre in prima linea nella lotta alla prostituzione. In Italia ci sono piu' di 100 mila donne costrette a vendere il loro corpo. Il 65 per cento lo fa per strada. Il 37 per cento ha tra i 13 e 17 ann. E' una forma violenta di sfruttamento delle donne. La missione di un sindacato è anche questa. Come ci ha chiesto Papa Francesco, è stare vicini agli ultimi, alle persone più deboli, più vulnerabili. È prenderle per mano e battersi al loro fianco. Io penso che bisogna fare ogni sforzo per risolvere questo problema. Serve una mobilitazione collettiva contro questa piaga sociale. La Cisl e' impegnata anche su questo fronte. Basta donne uccise, violentate, picchiate: sono sicuramente la periferia a cui dobbiamo guardare con impegno e intensita'". 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa