• Notizie
  • Comunicati stampa

Salute e sicurezza. Un altro' drammatico' incidente sul lavoro oggi a Crotone. Turri (Filca Cisl): "Inaccettabili le 159 vittime accertate dall'inizio dell'anno ad oggi"

5 Aprile 2018 - "Non più rinviabile un giro di vite per fermare questa triste, inaccettabile scia di sangue“. Lo ha dichiarato il segretario generale della Filca-Cisl nazionale Franco Turri, commentando l’incidente avvenuto stamani a Crotone, dove hanno perso la vita due operai edili. "Il drammatico incidente di Crotone  -prosegue Turtri - è la conferma che esiste una emergenza sicurezza sui luoghi di lavoro, come denunciamo da tempo. Le 159 vittime accertate ad oggi dall’inizio dell’anno sono inaccettabili e impongono interventi seri e drastici soprattutto in edilizia, il settore da sempre più a rischio. Su questo tema è indispensabile una vera rivoluzione culturale, partendo dai controlli e dalla formazione. Le misure che chiediamo sono note a tutti, e le ripeteremo anche il 27 aprile nel corso del SafeDay, la giornata mondiale della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, e il Primo Maggio, che quest'anno è dedicato proprio al tema degli infortuni: sono l’introduzione della Patente a punti, strumento importante per la selezione ed il sistema di qualificazione delle imprese; il ripristino del Durc (documento unico di regolarità contributiva) con il passaggio alla certificazione della congruità; la modifica dei criteri per l’Ape agevolata, per consentire ad un numero maggiore di lavoratori edili di andare in pensione in anticipo e senza penalizzazioni; il superamento del sistema del massimo ribasso, che comporta un risparmio da parte delle aziende sul fronte della sicurezza; il contrasto al lavoro irregolare e nero, con l’intensificazione dei controlli; l’applicazione del contratto edile a tutti i lavoratori impiegati in cantiere; una più stringente collaborazione con la bilateralità edile; il rafforzamento del ruolo degli Rlst del settore e dei responsabili per la sicurezza impegnati negli Enti paritetici" ha concluso.

www.filcacisl.it

Stampa