• Notizie
  • Comunicati stampa

Infortuni. Colombini: fare tutti di più su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Roma, 27 aprile "Ha ragione l'Anmil: dobbiamo fare tutti di più sulla salute e sicurezza sul lavoro perchè i dati che ha fornito l'Inail ieri non sono confortanti". E' quanto dichiara in una nota il Segretario confederale della Cisl, Angelo Colombini, alla vigilia delle manifestazioni organizzate per la Giornata Mondiale per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro dedicata quest' anno al lavoro minorile e per la festa del Primo Maggio. "Dagli ultimi dati pubblicati nel Rapporto INAIL del primo trimestre 2018 (gen.-mar.), infatti, emerge che, se le denunce con esito mortale sono aumentate dell’11,58%, l’aumento è dovuto ad una crescita delle denunce di infortunio in itinere, registrandosi di contro, positivamente, una diminuzione delle denunce di infortunio con esito mortale in occasione di lavoro, in confronto all'anno precedente. La drammatica sequenza, però, degli accadimenti di questi ultimi giorni, dall'inizio del mese di aprile ad oggi, sembra dare un segnale in controtendenza a quanto registrato nel Rapporto trimestrale. Questa situazione è l'esempio evidente di come non si può approcciare al complesso tema della prevenzione solo pensando di agire sull'onda delle urgenze rappresentate dai momenti di maggior concentrazione di eventi drammatici, potendo permettersi di porre in secondo piano il tema delle tutele e della salute e sicurezza sul lavoro ogni volta che i dati sembrano meno drammatici del periodo precedente. La prevenzione efficace è un'azione di sistema che richiede interventi programmatici, svolti in sinergia e perseguiti in modo sistematico e continuativo. Il denunciare da anni la mancanza di una Strategia nazionale di prevenzione vuole dire questo. Vuol dire non avere come Paese una progettazione a medio-lungo termine e, pertanto, una visione chiara di insieme su quali devono essere le priorità da realizzare, i controlli e le verifiche da svolgere, gli interventi mirati da pianificare, prevedendo modalità di collaborazione permanente tra i principali attori, istituzionali e delle parti sociali, impegnati nella prevenzione, a livello nazionale, ma anche sul livello regionale, dove le responsabilità non sono meno rilevanti, tenuto conto del ruolo che la legislazione concorrente oggi ancora gli attribuisce, sia in tema di prevenzione, di salute,che di formazione. Il tempo delle sole analisi statistiche e degli osservatori è giunto al capolinea, occorre agire, operando con interventi concreti ed efficaci, pensando ai posti di lavoro che ogni giorno sono chiamati a confrontarsi con il rischio. Perché, se si perde, non sono le regole che vanno cambiate, ma occorre operare su chi non vuole applicarle nel modo giusto".

Leggi anche:

Infortuni sul lavoro. Furlan: Infortuni sul lavoro. Furlan: "Dobbiamo fermare questa carneficina. La politica ponga il tema della sicurezza tra le priorità dell`azione di governo"
17 maggio 2018. “L’incidente mortale di oggi in un appalto dell’Ilva di Taranto ci lascia ancora una volta sgomenti ed addolora tutta la...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa