• Notizie
  • Comunicati stampa

Banche. Romani ( First): "Whistleblowing non attecchisce in istituti italiani"

Roma, 2 maggio 2018.  “Nelle banche italiane il whistleblowing non attecchisce, perchè la legge non tutela abbastanza i lavoratori, mentre funziona nelle realtà estere dove esistono protezioni maggiori.    Lo dimostra UniCredit, che avendo il 56% del personale fuori dall’Italia, lo scorso anno ha ricevuto 214 segnalazioni dai dipendenti. Negli altri grandi gruppi, invece, sono state solo una manciata: 16 in Intesa Sanpaolo, 11 in Ubi, solo 5 nel Banco Bpm. Eppure sarebbero uno strumento utilissimo per far suonare in tempo l’allarme sulle storture interne, che se non vengono corrette ricadono sulla clientela e anche sull’occupazione. Alla politica chiediamo di porre rimedio, dando al sindacato il ruolo di filtro tra banca e lavoratori”: è questo il commento del segretario generale di First Cisl, Giulio Romani, sull’andamento delle segnalazioni effettuate dai dipendenti dei maggiori gruppi bancari italiani in materia di comportamenti potenzialmente illeciti o distorsivi. “Non si vuol capire – aggiunge Romani – che il whistleblowing va tutelato perché ha un grande valore sociale e oltretutto si traduce in un costante stimolo al miglioramento delle modalità organizzative delle banche. I dati di UniCredit evidenziano che nel 2017 più di un caso su quattro ha potenzialmente prodotto un intervento organizzativo, essendo state prese in carico ben 53 segnalazioni a fronte di 149 pratiche invece archiviate. Il dato di Intesa Sanpaolo è molto più contenuto, ma ben 6 segnalazioni su 16 hanno indotto il gruppo a riflettere sulle proprie prassi. In Ubi 3 segnalazioni sono state prese in carico e solo una archiviata. Sono prove evidenti che, se garantita, la partecipazione dei lavoratori produce risultato”. “Il problema – spiega Romani – è che la legge riconosce ai singoli lavoratori la legittimazione a presentare segnalazioni senza però immunizzarli del tutto da possibili conseguenze. Confidiamo che la situazione migliori con una nuova direttiva che rafforzi la protezione dei whistleblower, come proposto lo scorso 23 aprile dalla Commissione europea, ma si deve comunque fin da subito legittimare ad agire anche il sindacato, che potrà così fare da tramite per i lavoratori senza che questi abbiano a temere ritorsioni e conseguenze legali o disciplinari. In ogni caso, la tutela dei lavoratori e della stessa clientela deve avvenire anche all’interno degli organismi delle banche. È dunque necessario che il prossimo Governo stabilisca l’obbligo per le banche di una rappresentanza minima obbligatoria dei dipendenti negli organi di controllo e della presenza in Cda di un garante pubblico indicato dalla Banca d’Italia di concerto con il Mef”.

Whistleblowing – dati 2017 banche italiane maggiori

Azienda

Entrata

Uscita

Segnalazioni pervenute nel 2017

Segnalazioni anno precedente da valutare

Totale segnalazioni in essere nel 2017

Segnalazioni considerate nel 2017

Segnalazioni archiviate nel 2017

Segnalazioni ancora da valutare a fine 2017

UniCredit

214

18

232

53

149

30

Intesa Sanpaolo

16

-

16

6

10

-

Banco Bpm

5

-

5

3

2

-

Ubi

11

1

12

3

1

8

Fonte: elaborazione Ufficio Studi First Cisl su Dichiarazioni non finanziarie banche

Leggi anche:

FIRST Cisl. Romani: FIRST Cisl. Romani: "Cosa nasconde l'ipotesi di maxi-fusione Intesa-Unicredit-MPS?"
Roma, 2 ottobre 2015 - "In merito a quanto pubblicato sulla prima pagina del Sole 24 ore di oggi, circa la presunta fusione fra le tre principali...
Bancari. Romani (First Cisl), soddisfazione per l’accordo con ABI sulla proroga del Fondo per l’occupazione - FOC Bancari. Romani (First Cisl), soddisfazione per l’accordo con ABI sulla proroga del Fondo per l’occupazione - FOC
Roma, 26 novembre 2015. "Siamo molto soddisfatti di aver garantito la prosecuzione del Foc, Fondo per l'occupazione del settore, in un momento così...
Banche. Furlan e Romani (First-Cisl), le colpe di amministratori e le omissioni della vigilanza non possono scaricarsi su risparmiatori e lavoratori. Il sistema bancario va cambiato Banche. Furlan e Romani (First-Cisl), le colpe di amministratori e le omissioni della vigilanza non possono scaricarsi su risparmiatori e lavoratori. Il sistema bancario va cambiato
Roma, 11 dicembre 2015. “Prendiamo atto che oggi sia il Presidente del Consiglio Renzi, sia il Ministro Padoan riconoscono che l'Italia ha bisogno...

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa