• Notizie
  • Comunicati stampa

Embraco. "Economia circolare" e “green” le novità emerse dall'incontro al Mise per sito produittivo e lavoratori

Roma 15 maggio 2018 - - Importanti novità sono emerse nell’incontro tenuto oggi al Mise alla presenza del Ministro Carlo Calenda e dei rappresentanti della Regione Piemonte per la verifica del processo di reindustrializzazione del sito Embraco di Riva di Chieri a Torino che la multinazionale americana Whirlpool ha deciso di chiudere.

Sono state presentate due proposte industriali che mirano a mantenere attivo il polo produttivo e a rilevare i 423 posti di lavoro oggi rimasti.
La prima proposta è dell’azienda Astelav presente a Vinovo nel territorio torinese che opera nel mercato dei ricambi per elettrodomestici che intende lanciare il Progetto RI-GENERATION per il recupero, la rigenerazione e la vendita degli elettrodomestici che vengono smaltiti come rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche Raee secondo la direttiva europea 2002/96/CE in vigore da anni.
L’azienda intende insediarsi in parte del sito attuale di Embraco, dove verrebbero installate le postazioni di riparazione e collaudo e pensa di occupare a regime circa 40 lavoratori, per i quali si prevedono percorsi formativi specifici.

 La seconda proposta è del gruppo israelo-cinese Venture production che si occupa di sistemi per l’efficienza energetica e il trattamento e purificazione dell’acqua e intende installare nel sito di Riva di Chieri linee di produzione di robot che verrebbero impiegati per la pulizia periodica e in automatico dei pannelli fotovoltaici finalizzata a mantenerne nel tempo la resa energetica.
Il gruppo intende costituire un forte nucleo di ricerca e sviluppo in collaborazione con le Università tecniche di Torino, Milano, Genova per lo sviluppo e l’implementazione dei sistemi per la gestione intelligente delle apparecchiature.
L’azienda Venture production intende avviare immediatamente dal 1 giungo le attività di installazione degli impianti e di formazione dei lavoratori e prevede di impiegare 370 lavoratori di Embraco con la prospettiva di incrementare ulteriormente l’occupazione a regime.
Venerdì prossimo è previsto un incontro presso l’Unione Industriali di Torino per definire le modalità e concretizzare un accordo per garantire ai lavoratori il passaggio alle nuove aziende senza alcuna interruzione del rapporto di lavoro e con il mantenimento delle condizioni economiche e normative in essere e per la gestione dei percorsi di formazione.

Per la Fim-Cisl si realizzano opportunità importanti di tutela occupazionale dei lavoratori e di salvaguardia del sito produttivo. I progetti improntati alla sostenibilità e all’economica circolare rappresentano un’importante prospettiva per un sistema-paese capace di valorizzare il lavoro e di guardare al futuro.

 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa