• Notizie
  • Comunicati stampa

Banca d'Italia. Furlan: "Su povertà, disagio dei giovani e divario nord-sud dati estremamente allarmanti"

Roma, 29 maggio 2018. "Ha ragione il Governatore della Banca d’Italia Visco: il destino dell'Italia è strettamente legato a quello dell'Europa e per questo è importante che la voce dell'Italia sia autorevole nei contesti dove si deciderà il futuro dell'Unione Europea". Lo sottolinea la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, commentando le considerazioni del Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco.
“Molti dei punti sottolineati oggi dal Governatore Visco sono condivisibili in particolare il rischio che si disperdano i timidi segnali di ripresa della nostra economia, ottenuti grazie ai sacrifici dei lavoratori, delle famiglie italiane e delle imprese. Per questo bisogna evitare i conflitti istituzionali ed affontare con grande senso di unità e senso di responsabilità i problemi del paese. E' emblematico che il Governatore Visco abbia posto l'accento su due dati estremamente negativi ed allarmanti come l'aumento del disagio sociale, soprattutto tra le giovani generazioni, con la quota delle famiglie che vivono in povertà assoluta che è raddoppiata negli ultimi dieci anni. E soprattutto, la crescita preoccupante del divario tra l'economia del Sud rispetto a quella del Nord. Ecco perchè abbiamo bisogno di mettere al centro dell'attenzione del paese i problemi della crescita e dello sviluppo, l'esigenza di una riforma fiscale equa e condivisa, la necessità di più investimenti pubblici e di politiche straordinarie per favorire l' assunzione dei giovani. Soprattutto non bisogna disperdere, come ha sottolineato oggi il Governatore Visco in poco tempo il bene insostituibile della fiducia".
 

Stampa