• Notizie
  • Comunicati stampa

Caporalato. Sbarra: "Inaccettabili e sbagliati i propositi di modifica della legge 199"

14 giugno- "Inaccettabili e profondamente sbagliati i propositi, espressi oggi dal ministro delle Politiche Agricole, di modificare la Legge 199 contro il caporalato, da tutti considerata norma di civiltà di progresso per il Paese, come dimostrano anche i continui arresti”. Lo ha detto Luigi Sbarra, segretario generale aggiunto della Cisl, commentando da Lecce le dichiarazioni odierne del ministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio sulla necessità di cambiare la legge 199 sul caporalato. “Il provvedimento, nato dal basso, con la mobilitazione e la proposta unitaria delle forze del lavoro, va attuato e non certo cambiato – ha aggiunto il numero due del sindacato di via Po -. Qualità del lavoro e qualità dell’impresa, specialmente in agricoltura, sono due facce della stessa medaglia. Sconfiggere l’abuso è essenziale anche per le tante imprese in regola, che sono la maggioranza, e che rappresentano l’eccellenza agroalimentare italiana nel mondo. Realtà che subiscono la concorrenza sleale dalle aziende che invece sfruttano i lavoratori. Bisogna dare segnali coerenti, e scongiurare il rischio di un allentamento dell’attenzione su questo delicatissimo tema”.

Stampa