• Notizie
  • Comunicati stampa

Siae. Furlan: "Parlamento europeo approvi direttiva su riconoscimento diritto autore"

Roma, 5 luglio 2018 - “Ci auguriamo un voto favorevole sulla proposta di Direttiva sul Diritto d'Autore nel Mercato Unico Digitale, che sarà votata oggi dal Parlamento Europeo riunito in seduta plenaria”. Lo dichiarano in una  nota congiunta la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, ed il segretario generale della Fistel Cisl Vito Vitale. “La Cisl e la Fistel Cisl sostengono con convinzione la battaglia per il riconoscimento del diritto degli autori ad una giusta remunerazione. Attualmente i proventi generati grazie al fondamentale lavoro di creazione degli autori vanno ad esclusivo beneficio dei colossi di Internet. Se correttamente ripartiti con chi ne detiene legalmente i diritti, questi proventi possono invece contribuire a creare più occupazione e ricchezza, a sostenere il welfare di categorie artistiche scarsamente tutelate, contribuendo alla produzione culturale e salvaguardando la libertà di espressione degli autori. Il diritto d’autore è un vero e proprio diritto del lavoro. Con oltre un milione di occupati, l’industria creativa e culturale italiana è una delle più importanti risorse del nostro Paese. Rappresenta un settore strategico per l’Italia che potrebbe avere una crescita molto significativa creando decine di migliaia di posti di lavoro se solo riuscisse a sfruttare tutte le opportunità e a contrastare le minacce come il value gap, il divario cioè tra quanto viene generato dai contenuti creativi in rete e quanto viene restituito a chi ha creato quei contenuti. La proposta di Direttiva sul Diritto d'Autore nel Mercato Unico Digitale vuole colmare proprio questa disparità tra i creatori di contenuti e quanti – motori di ricerca, aggregatori di contenuti, social network, servizio cloud pubblico e privato - vogliono fare profitti senza riconoscere il giusto compenso al loro lavoro”.
 

Stampa