Toscana. Scuola, nella regione solo 1805 cattedre su 4500: sotto la media italiana

Firenze 11 ottobre 2018 - “Su circa 4500 cattedre autorizzate dal Ministero per la Toscana, si sono riuscite ad effettuare soltanto 1805 nomine, fra le graduatorie di merito del concorso 2016 e le graduatorie ad esaurimento provinciali (cosiddette GAE).”
Lo hanno rivelato stamani a Firenze i segretari regionali di Flc-Cgil Daniele Monticelli, Cisl Scuola Giovanni Vannucci e Gilda-Unams Silvana Boccara in una conferenza stampa convocata unitariamente dai sindacati toscani della scuola.
“Le ragioni di questo risultato, che tra l’altro è addirittura più basso della media nazionale -hanno detto i rappresentanti sindacali – vanno ricercate nell’esaurimento delle graduatorie e nella mancata effettuazione delle prove concorsuali per molte delle classi di concorso.”
“Per questo i sindacati chiedono che “le prove di concorso vengano calendarizzate ed effettuate in tempi strettissimi”, anche in funzione del decreto emanato dal governo a fine settembre “che permetterebbe, qualora fossero predisposte le graduatorie FIT (Formazione Iniziale Triennale) entro il 31 dicembre, di recuperare almeno una parte dei posti che non sono stati assegnati entro il 31 agosto.”
Non si tratta, hanno detto Monticelli, Vannucci e Boccara, solo di problemi nazionali, ma anche di come le direttive ministeriali sono state applicate in Toscana: “abbiamo criticato la procedura adottata sin dai primi adempimenti a inizio agosto, e più volte abbiamo sollecitato l’USR perché esercitasse un’azione di coordinamento e definisse linee di indirizzo uniche, per evitare poi comportamenti differenziati nelle varie province che finiscono con il tradursi in disparità e discriminazioni.”
Situazione ancora più pesante per quanto riguarda le cattedre di sostegno: solo il 15% dei posti sono stati coperti da personale in possesso dei titoli di specializzazione. “Rivolgiamo una richiesta pressante, anche alla luce della delicatezza del compito degli insegnanti di sostegno, -hanno detto i tre sindacalisti- ad attuare al più presto percorsi di specializzazione per colmare questa gravissima lacuna.”
Infine i sindacati della scuola hanno chiesto maggiore trasparenza all’Ufficio Scolastico Regionale: “Solo stamani, ad un mese e mezzo di distanza, siamo riusciti ad avere i dati esatti delle stabilizzazioni. Serve più trasparenza, per il personale della scuola ma anche come segno di rispetto per le famiglie e gli studenti.”

 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa