Campania. Cgil, Cisl e Uil Napoli su manovra finanziaria: “il Mezzogiorno non necessita di assistenza sanitaria ma di lavoro ma di lavoro e crescita”

Napoli 8 novembre 2018 - A Napoli e al Mezzogiorno non serve assistenza, ma politiche e strumenti per uno sviluppo strutturale e duraturo che producano occupazione di qualità e crescita economica” sostengono Cgil, Cisl e Uil Napoli che oggi hanno discusso con i lavoratori la piattaforma di proposte di Cgil, Cisl e UIl nazionali. Presenti all’attivo unitario Walter Schiavella, segretario generale della Cgil Napoli, Giovanni Sgambati, segretario generale della Uil Napoli e Luigi Sbarra, segretario generale aggiunto della Cisl nazionale.
“Nella legge di bilancio mancano le risposte adeguate per i comuni che, come quello di Napoli, sono in pre-dissesto e non possono subire ulteriori tagli di risorse e di organico, né tantomeno possono permettersi un commissariamento – affermano dal sindacato - Il tutto ricadrebbe sui cittadini e sui lavoratori in termini di riduzione dei già insufficienti servizi erogati, tanto più che la situazioneoccupazionale è al collasso e il territorio metropolitano rischia di perdere altri migliaia di posti di lavoro.
Mezzogiorno, quindi, incentivi per lo sviluppo e l’occupazione, riforma fiscale, lotta all’evasione, ammortizzatori sociali, pensioni, sanità, scuola e pubblica amministrazione: sono tra i molteplici i punti scanditi dai vertici nazionali nella loro piattaforma unitaria di modifica della legge di bilancio del Governo,sottoposta in questi giorni ai quadri, dirigenti e lavoratori in tutti i territori. L’utilizzo degli oltre 22 miliardi di spesa da parte del governo dovrebbe essere più mirato , secondo i Sindacati, puntando su politiche che mettano al centro il lavoro, l’occupazione femminile e giovanile, azioni rivolte a contrastare l’esclusione sociale e la povertà, investimenti in infrastrutture materiali e sociali, nell’ industria, nell’innovazione e nella ricerca.
Sulla “vertenza Mezzogiorno” Cgil, Cisl e UIl hanno obiettivi unitari e chiedono azioni ed impegni più concreti al Governo per i quali non escludono di mettere in campo iniziative unitarie nelle prossime settimane

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa