Lombardia. Di Mauro (Fp): "Allarme droni all'Enac"

Milano, 21 dicembre 18. Droni, allarme organici all’Enac, l’Ente nazionale per l’aviazione civile. A Milano i dipendenti sono appena dodici e hanno competenza territoriale sugli aeroporti di Lombardia, Liguria e Veneto. Tra i loro compiti c’è il rilascio dei brevetti per i piloti privati (circa 200 l’anno), ma anche il controllo delle scuole che abilitano al volo dei droni, un apparecchio che, come dimostrano i fatti dell’aeroporto londinese di Gatwick, può creare problemi. “Per pilotare un drone – spiega Giorgio Dimauro, segretario della Cisl Fp milanese – occorre una certificazione come pilota Sapr (aeromobile a pilotaggio remoto). Oggi il corso di formazione per il rilascio dell’abilitazione è delegato alle scuole private di volo e l’Enac deve vigilare che esse abbiano tutte le competenze e tutti i requisititi di legge. Il fatto è che le richieste sono in continuo aumento, il drone sta diventando una moda, e non tutte le scuole fanne le cose come si deve. Diverse, poi, operano senza autorizzazione. Per dodici persone, sette delle quali di stanza a Bergamo, non è facile tenere sotto controllo la situazione, anche perché hanno molti altri compiti da svolgere”. Il percorso formativo per l’abilitazione alla guida di un drone prevede una parte teorica e una pratica (con ore di volo assistite), con un esame finale (20 domande a test e una prova di manovra). I candidati, tra le altre cose, devono avere nozioni di meteorologia, aerodinamica, conoscere la normativa Enac e sugli spazi aerei, sapere com’è fatto un drone e come si usa il radiocomando. “Il problema – continua Dimauro – è l’improvvisazione. Oggi chiunque può comprare un drone, il negozio non è tenuto a sapere se l’acquirente ha l’abilitazione al volo. Chi non ce l’ha è abusivo. Se poi la formazione non è fatta bene è un guaio, perché questi strumenti possono diventare pericolosi nelle mani di chi non li sa usare. Va rinforzato il personale che controlla le scuole”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa