Lazio. Fit Cisl, giornata seminariale sulla Legge di Bilancio in vista del 9 febbraio

Roma 4 febbraio 2019 - “Perché scenderemo in piazza il 9 febbraio? Da parte nostra non c’è alcun approccio ideologico, ma una protesta nel merito: la Legge di Bilancio 2019 non dà risposte adeguate. Citando Luigi Einaudi, abbiamo voluto organizzare una giornata seminariale al fine di ‘conoscere per deliberare’: vogliamo approfondire le ragioni della mobilitazione del prossimo sabato “.
E’ quanto ha dichiarato il Segretario Generale della Fit-Cisl di Roma e Lazio, Marino Masucci, aprendo i lavori della giornata seminariale sulla Legge di Bilancio organizzata oggi dalla Fit-Cisl di Roma e Lazio all’Auditorium “Carlo Donat-Cattin” in via Rieti 13, a Roma.
“Questa manovra – ha spiegato il sindacalista – non genera occupazione, non punta sulle infrastrutture, non adotta politiche redistributive adeguate e sostenibili e non si occupa del miglioramento della qualità dei servizi pubblici, quali sanità e istruzione. Tutto ciò in un contesto socioeconomico, quello italiano, già caratterizzato dall’aumento delle disuguaglianze sociali. Precisi studi dimostrano che la presenza del sindacato non è indifferente nei processi economici, ma favorisce la redistribuzione della ricchezza: è nostro preciso dovere far sentire la nostra voce a tutela dei lavoratori”.
Nel corso dell’iniziativa il Professor Gabriele Olini, della Fondazione Ezio Tarantelli – Centro Studi Cisl e coordinatore del Barometro Cisl, ha fatto un focus sulle criticità della Legge di Bilancio: “il reddito di cittadinanza – ha spiegato - potrebbe favorire il sommerso e non può reggere senza un potenziamento adeguato dei centri per l’impiego; la flat tax è un possibile incentivo alla destrutturazione del sistema economico e genera un forte squilibrio tra le aliquote fiscali dei lavoratori autonomi e quelle dei dipendenti, a netto svantaggio di questi ultimi; quota 100 non introduce la necessaria flessibilità soprattutto per i soggetti deboli del mercato del lavoro; la manovra taglia per 2,3 miliardi i trasferimenti per Ferrovie dello Stato e riduce gli investimenti per le infrastrutture”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa