Lombardia. Riders, Lanzoni (Cisl Milano): “Fenomeno con poche luci e molte ombre. utile un accordo milanese, ma serve una regolamentazione nazionale”

Milano. 5 febbraio 2019 - “La ricerca dell’Università Statale conferma che il mondo dei rider ha poche luci e molte ombre. I rider milanesi non sono studenti che svolgono un lavoretto per guadagnare qualcosa, ma persone che vivono con il ricavato di questa attività. Restano molte incognite su quanto siano retribuiti e in che modo e sulle coperture assicurative. Per non parlare della giungla contrattuale che contraddistingue il settore e per la quota notevole di ‘sommerso’. A fronte di tutto ciò la Cisl di Milano è favorevole a portare avanti un tavolo di confronto fra le parti che veda il coinvolgimento del Comune, ma soprattutto delle principali piattaforme che operano sul mercato, per arrivare a trovare adeguate soluzioni. E’ auspicabile un accordo territoriale che tenga conto delle specificità di una città come Milano, ma è anche necessario un supporto normativo a livello nazionale che delinei una cornice di tutele di carattere generale per tutti i lavoratori”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa