Lazio. Sindacati: "Femminicidio a Cisterna di Latina"


Roma, 10 giugno 2019. Ancora una. Un’altra giovane donna assassinata dal marito dal quale si stava separando. E ancora a Cisterna di Latina dove lo scorso anno un uomo ha ucciso le figlie per vendicarsi dell’ex moglie. Aveva 36 anni Elisa e una bimba di 10 anni cui è spettato il traumatico compito di scoprire il cadavere della madre e dare l’allarme. Ha chiamato il papà che, nel frattempo, dopo l’omicidio era andato a lavorare, come se niente fosse. Quel papà nel quale forse cercava protezione e consolazione e che, in breve tempo, ha confessato il delitto. “Non accettava la separazione” uno dei commenti subito diffusi. Non accettava probabilmente di perdere il possesso sulla “sua” donna. Perché è questo il movente reale dei tanti, troppi femminicidi che si susseguono senza che nessuno faccia niente. Ma lo sdegno, la condanna non hanno nazionalità. Così come non dovrebbero averla i reati e le loro pene. 
 

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa