Lazio. Sindacati: "Trasporti. Uniti verso lo sciopero del 24 e 26 luglio"


Roma, 17 luglio 2019. “Procediamo unitamente e con determinazione verso lo sciopero nazionale dei Trasporti previsto per il 24 luglio, e per il 26 nel caso del Trasporto aereo. Il 24 luglio, dalle ore 10 alle 13, saremo in presidio di fronte al Ministero dei Trasporti. Sono molte e inderogabili le richieste che avanziamo senza ottenere risposte adeguate”. E’ quanto hanno dichiarato i Segretari Generali della Filt-Cgil e Fit-Cisl di Roma e Lazio, Eugenio Stanziale e Marino Masucci, e il Commissario straordinario della UilTrasporti Lazio, Gian Carlo Serafini, nel corso del loro intervento all’attivo unitario dei sindacati che si è tenuto oggi al Teatro delle Muse.“ Le rivendicazioni e richieste alla base della protesta– spiegano i sindacalisti -: più investimenti sulle infrastrutture e occupazione; maggiore attenzione alla sicurezza sul lavoro e a bordo dei mezzi; verifica sulla rappresentanza sindacale, contrasto al dumping contrattuale e regole certe sul diritto di sciopero; ripensamento del modello degli appalti al massimo ribasso; rilancio del confronto e maggiore attenzione alle ‘periferie del lavoro’”. “Lo sciopero non è un traguardo, ma un punto di partenza – hanno proseguito -; va infatti inaugurata una stagione di unità sindacale confederale orientata a risolvere le tante criticità del comparto, a partire dall’emergenza sulla sicurezza dei lavoratori: non si può continuare a morire o ad essere aggrediti facendo il proprio dovere. Si deve andare avanti con determinazione anche nella direzione dei rinnovi contrattuali, ormai scaduti da troppo tempo per il ripristino del potere d’acquisto degli stipendi e l’equa redistribuzione delle risorse aziendali”. “I Trasporti – hanno concluso – rappresentano un fattore determinante per la democrazia, la competitività e la produttività dei territori. Va fatto tutto il possibile per valorizzare la rete infrastrutturale del nostro Paese, e con essa gli addetti al comparto”.

Stampa