Sardegna. Il 15 settembre 2019 a Cagliari la“Carovana della salute”

Cagliari, 25 luglio 2019 - La Cisl Pensionati è pronta a mettere in moto una “Caravona della salute” per gli oltre 40 mila over 65 anni del capoluogo cagliaritano. La segreteria territoriale guidata da Maria Bonaria Atzori ha organizzato per il prossimo 15 settembre una giornata di visite mediche, controlli e screening gratuiti all’insegna dello slogan “ Prevenzione è benessere”. Si tratta di un progetto avviato su tutto il territorio italiano dalla Federazione nazionale pensionati in partnership con l’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità – IAPB Italia Onlus e con il patrocinio del Comune di Cagliari.
Uno sguardo molto attento ai problemi sanitari dei residenti nel capoluogo dell’isola Comune e Regione devono darlo, non foss’altro perché più del 30 per cento della popolazione supera 60 anni, quindi si trova in un’età particolarmente esposta a malattie, infortuni, limitazione anche forte dell’autonomia fisica. “Il fatto che a Cagliari una sessantina di persone, la stragrande maggioranza donne, abbia tagliato il traguardo dei cent’anni, non significa – dice Maria Bonaria Atzori, segretaria generale FNP territoriale - che tutte le altre “penne bianche” scoppino di salute. Noi vogliamo portarci avanti col lavoro e sollecitare azioni preventive da parte dei responsabili della salute pubblica, cioè assessorati, Asl e aziende ospedaliere. Il 15 settembre in Piazza dei Centomila schiereremo una squadra di specialisti: cardiologi, dermatologi, diabetologi, , otorinolaringoiatri, oculisti, psicologi, fisiatri, oncologi, nutrizionisti. A disposizione dei cittadini dalle 9,30 a 13 e dalle 14,30 alle 19.
La vita in città potrebbe comportare rischi per la salute, soprattutto per gli anziani, impossibilitati a muoversi agevolmente e in sicurezza. “ In Sardegna - aggiunge Atzori - la prevenzione è ancor più necessaria perché l’anno scorso è aumentata di oltre un punto la percentuale dei fumatori: da 17,8% del 2017 al 19,1% del 2018. Il 46% dei sardi beve vino, il 44,8% birra, il 31,8 è sovrappeso e quasi il 10% obeso. Noi cominceremo a dire agli anziani di sottoporsi ai controlli, periodicamente. Una diagnosi preventiva può infatti permettere sia l’individuazione di patologie asintomatiche sia intervenire per tempo evitando percorsi di cura invasivi”.

Stampa