Campania. Cisl: "Cordoglio per la scomparsa di Giuseppe Genio, per anni segretario dei metalmeccanici della Fim Napoli"


Napoli, 29 luglio 2019. Si è spento a Firenze Giuseppe Genio, sindacalista della Cisl di Napoli che per anni ha guidato la Fim, la categoria dei metalmeccanici. Nato a Pomigliano d’Arco nel 1941, Genio ha cominciato  la sua attività lavorativa negli anni ’70  quando fu assunto dall’Alfa Sud, a quei tempi la più grande azienda metalmeccanica del Mezzogiorno. Viene eletto delegato della Fim Cisl nell’area impiegati. Proprio in quegli anni in cui si affermano  avvenimenti che hanno fatto la storia del sindacalismo confederale meridionale, assunse il ruolo di  promotore della valorizzazione della giustizia sociale, del lavoro, della crescita socio-economica dei lavoratori e dello sviluppo industriale di Napoli e del Sud. Nel 1973 Peppe (come lo chiamavano gli amici) diventa un operatore della Fim di Napoli ed  insieme ad altri giovani nel giro di pochi anni, avrebbe raccolto l'eredità del precedente gruppo dirigente della Fim partenopea.  E’ stato Segretario Generale della  Fim di Napoli nel ‘77 e successivamente, con lo scioglimento dei comprensori e con la costituzione della Provincia, diviene Segretario provinciale. Per le sue grandi capacità professionali fu eletto segretario della Cisl di Napoli. Genio è stato un dirigente di forte spessore politico, soprattutto nella costruzione di rapporti umani, umile, pronto ad aiutare tutti, con  una spiccata affettuosità verso i compagni e particolarmente verso i lavoratori che lo vedevano quasi come un padre di famiglia, oltre che loro mentore per  preparazione e  competenza. Stimato ed apprezzato sia nelle Istituzioni che nel mondo imprenditoriale,  ha partecipato alla firma di  importanti accordi, prima con la Intersind ( l’associazione sindacale delle aziende a partecipazione statale) e poi con Confindustria su tante vertenze e protocolli. E’ stato il promotore del primo Contratto d’area torrese- stabese. Ha dato, inoltre,  un grande contributo anche all’ Ufficio Studi della Cisl nazionale avviando  diverse generazioni di giovani sindacalisti. Da anni si era trasferito a Firenze, ma sempre presente ai tanti  appuntamenti della Cisl a Napoli.  La Fim e la Cisl di Napoli e della Campania sono vicini alla moglie Franca in questo difficile momento.

Stampa