Toscana. Ferrovia Lucca-Pistoia, il raddoppio va fatto tutto, basta meline da Montecatini

Firenze, 12 settembre 2019 - l raddoppio della linea ferroviaria Pistoia-Lucca dev’essere realizzato per intero, compresa la tratta Montecatini-Pescia: per questo il comune di Montecatini abbandoni le meline opportunistiche degli ultimi anni e dica, in modo chiaro, cosa intende fare.”
Lo ha detto il segretario generale della Fit-Cisl Toscana, Stefano Boni, intervenendo stamani all’inaugurazione della mostra informativo-fotografica che il Dopolavoro ferroviario di Pistoia ha dedicato proprio al raddoppio della Pistoia-Lucca ed in particolare alla prima tratta su cui sono iniziati i lavori, da Pistoia a Montecatini. La mostra, inaugurata stamani (presenti anche gli assessori regionali Vincenzo Ceccarelli e Federica Fratoni, il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi, il presidente della provincia di Pistoia Luca Marmo e amministratori dei comuni di Montecatini e Serravalle), è allestita nel salone del DLF di piazza Alighieri 1, a Pistoia e sarà aperta fino al 29 settembre con orari 9-12, 17-22, con chiusura il lunedì pomeriggio.
“I lavori sulla prima tratta procedono – ha detto Boni – e poi toccherà alla seconda, da Pescia a Lucca, mentre rischiamo che resti un buco su Montecatini, dove il comune negli ultimi anni ha fatto melina e avanzato richieste irrealizzabili. Chiedere che la tratta sia realizzata in sopraelevata, con il grande impatto paesaggistico e urbanistico e i maggiori costi che ciò significa, equivale a dire che non la si vuole. Una posizione che potrebbe nascondere la considerazione opportunistica che per Montecatini l’importante è il collegamento veloce con Firenze; e tanto peggio per Pescia, Lucca e la Versilia. Per questo chiediamo alla nuova amministrazione comunale di dire se intende continuare su questa linea o impegnarsi concretamente perché il raddoppio della Lucca-Pistoia sia completamente realizzato.”
“Delle infrastrutture per il trasporto pubblico – ha concluso Boni - c’è bisogno e ci vuole il coraggio di realizzarle. A Firenze c’era chi si incatenava agli alberi per impedire che si facesse la prima linea della tramvia per Scandicci. Ma ora che è in funzione sono tutti contenti.”

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa