Sardegna. Incontro Sindacati con Sottosegretaria allo Sviluppo. Cisl: "Nessnu risultato apprezzabile.Solo disponibilità ad aprire un tavolo ministeriale”

Cagliari, 11 ottobre 2019 - “Insoddisfacente e praticamente senza risultati apprezzabili l’incontro con la Sottosegretaria sarda allo sviluppo economico, onorevole Alessandra Todde”. Con queste parole il segretario generale Cisl Gavino Carta sintetizza e valuta l’incontro di Cgil, Cisl e Uil, Confindustria e Confapi regionale avvenuto nel pomeriggio di oggi alla presenza dell’Assessora dell’Industria Anita Pili. La rappresentante del Governo non ha dato risposte sul problema, ormai fondamentale per lo sviluppo dell’isola, dell’approvvigionamento energetico. Soprattutto sul varo definitivo del progetto- metano con l’apertura dei cantieri nella seconda metà del 2020. “ Non lascia tranquilli sindacati e lavoratori – dice Gavino Carta- soprattutto il riferimento della Sottosegretaria alla «necessità di rivedere il progetto nel suo complesso senza innamorarsi di alcune proposte a discapito di altre possibili»”. “Il sindacato - dice Carta - prima di dire sì al metano ne ha valutato costi e benefici in termini economici, ambientali, funzionali e temporali. Avremmo voluto – aggiunge il segretario generale Cisl Sardegna – che oltre alla disponibilità, di cui ringraziamo l’onorevole Todde, di attivarsi per aprire un tavolo ministeriale, il Sottosegretario si fosse impegnato a trovare soluzioni praticabili e urgenti sul problema dell’energia e della phase out 2025 dal carbone, indicando soluzioni percorribili, concrete, realizzabili in tempi relativamente brevi. Lavoratori, sindacati, imprenditori e Giunta regionale la soluzione l’hanno unitariamente trovata nel metano. E il Governo? Una cosa è certa : la gravità della situazione non consente ulteriori ritardi”.

Stampa