Puglia. Cisl Lecce, “Tolleranza zero alle molestie e alla violenza sul lavoro”, interviene con le proprie rappresentanze sindacali sui luoghi di lavoro per sensibilizzare sul fenomeno

Lecce, 22 novembre 2019 - Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne che si terrà il 25 novembre 2019 la CISL di Lecce nell’ambito della campagna nazionale “Tolleranza zero alle molestie e alla violenza sul lavoro”, interviene con le proprie rappresentanze sindacali sui luoghi di lavoro per sensibilizzare sul drammatico fenomeno in tutte le sue diverse forme.

Dal femminicidio, alla tratta e allo sfruttamento sessuale, dagli stereotipi culturali alla violenza e alle molestie sul luogo di lavoro dove il Sindacato rimane fondamentale per fare fronte al fenomeno, anche mediante appositi protocolli sottoscritti negli ultimi anni con le parti datoriali.

Nonostante i positivi risultati in termini di sensibilizzazione e le tante azioni messe in campo, anche in termini di orientamento della parte istituzionale nel corso della contrattazione sociale di ambito, la strada da fare, anche in provincia di Lecce, resta lunga e in salita.

Occorre continuare a gridare a gran voce che ogni forma di prevaricazione sul lavoro non è più tollerabile, in linea con i principi e i contenuti nella nuova Convenzione e Raccomandazione ILO in materia, che tutto il sindacato a livello internazionale ha sostenuto e promosso e che ora chiediamo alla politica di condurre presto a ratifica.

Alla politica chiediamo inoltre un Piano straordinario mirato per l’occupazione femminile: una risposta concreta, infatti, al drammatico fenomeno della violenza di genere, è il lavoro delle donne"inteso nel senso più ampio quale “strumento per il reinserimento socio-lavorativo: il lavoro, infatti rappresenta un grande passo verso la libertà e l’autonomia delle persone. Promuovere l’occupazione femminile resta, dunque, un elemento fondamentale per rendere le donne più forti e meno sole, trovando così il coraggio di denunciare e cercare percorsi di riappropriazione della propria dignità e libertà. Questa è la battaglia sindacale e culturale che la Cisl vuole portare avanti, unendo uomini e donne per una giusta causa: per la libertà e la piena dignità di tutti.

 

 

 

Stampa