Lombardia. Cisl: "Basta Morti sul lavoro. Impegno concreto da parte di tutti, altrimenti sarà MOBILITAZIONE dei lavoratori"

Milano, 7 febbraio  2020. Ieri altri due morti sul lavoro nel grave incidente ferroviario, questa mattina è ricoverato in gravi condizioni l’operaio edile che è stato schiacciato da un camion in un cantiere nel pieno centro di Milano. Ancora una volta siamo costretti ad intervenire per parlare di incidenti gravi nei luoghi di lavoro.   Nel 2018 abbiamo firmato in Prefettura a Milano il Protocollo di intesa: “PER POTENZIARE LA SICUREZZA SUL LAVORO IN AMBITI PARTICOLARMENTE A RISCHIO “ ma ad oggi questo non basta. C’è il concreto rischio che per non tutti gli attori chiamati in causa la sicurezza sia una priorità. Bisogna dare priorità alle azioni preventive, formare ed informare le persone, fare assunzioni per potenziare i controlli mirati, fare investimenti per l’ammodernamento delle macchine e dei macchinari, innovare le procedure di sicurezza e aumentare le forme di sicurezza passiva, avere ritmi di lavoro più sostenibili e lavori pagati meglio. Tutto questo affinché si affermi una cultura diffusa e partecipata della prevenzione e della sicurezza. Se non ci saranno azioni in questo senso, sarà MOBILITAZIONE del mondo del lavoro. Basta parole, Non abbiamo più tempo, non si può più aspettare.

Stampa