Puglia. PopBari, Adiconsum: la trasformazione in Spa è passo importante per recuperare la fiducia dei risparmiatori

Bai, 19 giugno 2020 - Il prossimo 30 giugno si terrà l’Assemblea straordinaria che dovrà votare la trasformazione della Banca Popolare di Bari in Società per Azioni. “Un passo molto importante – dichiara Danilo Galvagni, Vicepresidente di Adiconsum nazionale – che prevede un’iniezione di liquidità di 1,6 miliardi di euro da parte del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (il FITD) e di Mediocredito Centrale (MCC), che permetterà di rilanciare l’istituto, ma anche di salvaguardare gli azionisti e gli obbligazionisti subordinati”. “Grazie ad una serie di incontri con i Commissari e con i vertici dell’istituto – proseguono Carlo Piarulli, Responsabile del Credito di Adiconsum nazionale ed Emilio Di Conza, Presidente di Adiconsum Cisl Puglia – è stato possibile ottenere una serie di interventi a tutela degli azionisti e obbligazionisti, a condizione che si realizzi la trasformazione della BPB in S.p.A., riguardanti:
· la copertura integrale delle perdite e la ricostituzione di un capitale minimo di 10 milioni di euro
· la messa a disposizione di azioni gratuite per 20 milioni di euro per i partecipanti all’Assemblea
· un’offerta transattiva che corrisponde ad un indennizzo pari a 2,38 euro per azione a coloro che hanno aderito all’aumento di capitale 2014/2015
· l’erogazione di un warrant per ciascuna azione posseduta, diversa da quelle sottoscritte nell’aumento di capitale 2014/2015
· l’apertura di un Tavolo di Conciliazione e di Solidarietà
· il regolare pagamento, alle scadenze previste e con la remunerazione stabilita, di tutte le obbligazioni subordinate”.
“Alla luce dei benefici approvati, Adiconsum – conclude Galvagni – invita gli azionisti e gli obbligazionisti a partecipare all’Assemblea Straordinaria, che si terrà il 30 giugno per veder salvaguardati i propri risparmi.
IMPORTANTE: Adiconsum nazionale e Adiconsum Puglia stanno organizzando per la prossima settimana un webinar gratuito di approfondimento.

Stampa