Lazio. Fisascat Cisl: "Appalti sanità. Revochiamo sciopero grazie a mobilitazione delegati e lavoratori, ieri importante accordo"

Roma, 18 luglio 2020. Vogliamo dire grazie ai nostri delegati, che lo scorso 13 luglio hanno protestato davanti alla sede della Regione Lazio a tutela degli appalti della ristorazione, pulizia e sanificazione nella sanità sul territorio. In seguito alla loro mobilitazione, e alla presenza attiva dei lavoratori, siamo riusciti ad ottenere un impegno della Regione a salvaguardia di migliaia di addetti, e, conseguentemente, a tutelare la qualità del servizio per i cittadini che usufruiscono di prestazioni ambulatoriali e ospedaliere. In ragione dell'intesa sottoscritta ieri, revochiamo lo sciopero previsto per il prossimo 21 luglio". È quanto si legge in una nota dell Fisascat-CISL Roma Capitale Rieti, in cui si aggiunge che "gli importanti obiettivi raggiunti riguardano  innanzitutto la tutela del lavoro e dele retribuzioni dei dipendenti, quindi una migliore prestazione al cittadino. Tutto ciò sarà esigibile anche in caso di cambio appalto, e a ciò si aggiunge la costituzione di una cabina di regia con tutti gli attori interessati, che provvederà al monitoraggio della situazione. Sarebbe stato inaccettabile che dei veri e propri eroi invisibili, quali i migliaia di dipendenti degli appalti della sanificazione e della ristorazione nella sanità, subissero tagli orari e salariali, a maggior ragione dopo l'emergenza coronavirus. Al tempo stesso, non potremmo permettere, come già ribadito in passato, un risparmio sulla salute dei cittadini, di cui vitto e sanificazione ospedalieri e ambulatoriali rappresentano una parte importante".  

Stampa