Toscana. Cisl: "Patrimonio Alinari. La Regione Toscana ha fatto la cosa giusta che va portata a compimento"

Firenze, 20 luglio 2020. Per dare coerenza operativa a tutte le condivisibili buone ragioni annunciate e più volte confermate, anche con impegno e lavoro dalla stessa Regione, bisogna fare due cose adesso, e comunque prima dello stop che le elezioni determineranno:

1) Il Cda deve insediarsi subito e in tal senso il Presidente del Consiglio Regionale e il Consiglio come Istituzione deliberante possono e devono assumere:

A) - per recuperare almeno i contratti più importanti, nazionali e internazionali, in via di dismissione dalla F.lli Alinari Idea SpA;

B) - per poter avviare le operazioni concrete che potranno consentire di selezionare e reclutare il personale necessario... che non è una fissazione ma la nostra preoccupazione sindacale, oggettivamente sostenuta da sempre e dai fatti.

Su questo piano bisogna riconoscere che in tutta “l’operazione Alinari”, che abbiamo condiviso e condividiamo, è pur vero che il prezzo più salato lo hanno pagato e rischiano di pagarlo completamente, le lavoratrici e i lavoratori della F.lli Alinari Idea spa in liquidazione, con la perdita del posto di lavoro.

Mentre attendiamo di conoscere la data della convocazione presso l’Unità di crisi occupazionale, che evidentemente non abbiamo richiesto per caso, portare a completamento gli impegni presi, con la piena realizzazione delle cose bene iniziate e ormai avviate è, a nostro parere, l’altra cosa giusta da poter e dover realizzare ora, a dispetto dei tempi stringenti, con urgenza del caso.

Stampa