Puglia. Sanità Privata, Cgil Cisl Uil: i datori di lavoro disconoscono sé stessi

Mai successo nella storia del settore che dopo la consultazione sulla preintesa siano i datori di lavoro a disconoscere se stessi.
Vergogna! Vergogna! Vergogna! A fronte del fatto che il Ministro della Salute e le Regioni tutte si sono impegnate per garantire più risorse al sistema così da compensare il 50% dell’aumento del costo contrattuale, questi soggetti si permettono di non riconoscere gli impegni sottoscritti.
Da mesi lavoriamo affinché tutte le garanzie necessarie a portare a buon fine siano garantire dalle Istituzioni, i lavoratori hanno aspettato fin troppo, la rabbia è oramai incontenibile e nei confronti di questi soggetti non ci può che essere una reazione forte e determinata : le Segreterie Nazionali di FP CGIL, CISL FP UIL FPL proclamano lo sciopero nazionale di tutte le strutture ARIS e AIOP, non c’è più tempo per le trattative, le controparti hanno fatto saltare ogni sistema di relazioni sindacali.
I cittadini devono sapere che questi soggetti fanno profitto con risorse pubbliche, che fanno pagare un prezzo altissimo ai lavoratori e non si fanno scrupoli come è accaduto durante la pandemia di fare la loro parte solo se possono trarre profitto!
Chiediamo alla Regione Puglia di riconoscere la dignità di questi lavoratori attraverso una ferma condanna nei confronti di AIOP ed ARIS per questo comportamento irresponsabile che mette a rischio anche l’erogazione di servizi pubblici essenziali. Per queste ragione le Segreterie Regionali di FP CGIL, CISL FP e UIL FPL di Puglia chiedono alla S. V. una convocazione ad horas con la presenza delle associazioni datoriali.

Stampa