Lombardia. Milano, cambio appalto servizio refezione del Politecnico

Milano, 10 agosto 2020 - Dopo un mese e mezzo di trattativa molto complicata è stato finalmente raggiunto un accordo tra Filcams Fisascat e Uiltucs e le aziende subentrati Compass e Pellegrini, in sede di Prefettura, per la gestione del cambio appalto del servizio di refezione del Politecnico.
A causa della chiusura dei locali determinata dall'emergenza sanitaria, inizialmente le aziende subentrati volevano assumere i lavoratori dal giorno 27 giugno 2020, ma collocandoli in aspettativa non retribuita per due mesi, perchè il servizio di refezione scolastica veniva richiesto dal Politecnico a partire dal giorno 1 settembre 2020.
Condizione inaccettabile quella di un'aspettativa non retribuita che avrebbe significato un'assenza della relativa contribuzione e retribuzione per due mesi, per lavoratori con stipendi già normalmente molto bassi e dopo mesi di cassa integrazione che ha comportato una già significativa decurtazione di salario.
Tutto ciò avrebbe comportato pertanto un ulteriore peggioramento delle condizioni economiche incidendo notevolmente sulla sostenibilità finanziaria di molte famiglie.
Dopo diversi incontri e un presidio sindacale si è finalmente arrivati ad un accordo che prevede il passaggio di tutti i 58 lavoratori e lavoratrici in continuità (dal 27 giugno), senza nessun taglio ore e a parità di condizioni sia economiche che normative. Per gestire il periodo di chiusura della mense dell’ateneo a causa dell’emergenza sanitaria verranno utilizzati gli ammortizzatori sociali.
A favorire il raggiungimento dell’intesa il ruolo svolto dalla Prefettura che ha contribuito attivamente a trovare una soluzione che tutelasse le lavoratrici e i lavoratori e anche l’intervento del Politecnico in qualità di committente.

Stampa