Lazio. Sindacati: "Roma Termini. Chef Express dichiara 78 esuberi, il 15 protestiamo"

Roma, 12 ottobre 2020. “Il prossimo 15 ottobre scenderemo in piazza per manifestare contro la decisione, da parte di Chef Express, di dichiarare 78 esuberi tra i lavoratori di Roma Termini. Protesteremo alle ore 10, a piazza dei Cinquecento, angolo via Enrico De Nicola, nello spazio prospiciente la fermata metro". E'quanto dichiarano, in una nota congiunta, Cristina Silvestri, della Fisascat-CISL Roma Capitale Rieti, ed Enzo Pascale, della UilTucs Roma e Lazio, aggiungendo che "nel corso dell’incontro che si è svolto lo scorso 9 ottobre con Chef Express Spa, abbiamo chiesto un immediato dietrofront rispetto alla decisione di procedere con gli esuberi, dovuta alla scadenza/disdetta del contratto di locazioni di alcuni locali da parte di Grandi Stazioni. Al tempo stesso, abbiamo preteso il rispetto dell'accordo firmato lo scorso 23 dicembre con la società, che si impegnava, nonostante le difficoltà, a gestire la situazione. Purtroppo, nulla di fatto: il tavolo si è concluso con la rottura, ma non resteremo fermi a guardare. Non è tollerabile che per i lavoratori di Roma Termini la prospettiva, al termine del blocco dei licenziamenti, sia l'apertura di una 'procedura collettiva'.

La pandemia Covid 19 ha penalizzato l'intero tessuto economico nazionale, ma il futuro non deve restare incerto per nessuno".
"In un momento cosi' duro - proseguono i sindacalisti - ci chiediamo come sia possibile che Grandi Stazioni, grande assente della situazione, non valuti responsabilmente una proroga dei contratti di locazione , e come possa ‘lavarsi le mani’ delle potenziali ricadute sociali della disdetta. Sottolineiamo che la pandemia, e la crisi che ne deriva, non sono giustificazioni sufficienti per gettare nella disperazione o nell’incertezza i lavoratori: sono 190 i dipendenti che operano nei punti vendita Chef Express di Roma Termini e 90 quelli di Mc Donald’s Termini Galleria. Resteremo al fianco di queste famiglie, passo dopo passo, senza incertezze”.

Stampa