Lazio. Roma, Diociaiuti (Fisascat Cisl): “Servono interventi mirati ed efficaci a sostegno di ristorazione, commercio e turismo”

Roma, 27 ottobre 2020 - “Siamo ben coscienti della gravità della situazione riguardante l’emergenza Covid, e della necessità di adottare contromisure per contenere i contagi, ma siamo altrettanto preoccupati per troppe categorie di famiglie: senza l’adozione di adeguate misure di sostegno, gli addetti al commercio, alla ristorazione, al turismo della Capitale potrebbero non ‘sopravvivere’, lavorativamente parlando, alla seconda ondata. Stiamo parlando di decine di migliaia di persone, soltanto a Roma”.

E’l’allarme lanciato dal Segretario Generale della Fisascat-CISL di Roma Capitale e Rieti, Stefano Diociaiuti, il quale aggiunge che “la macchina governativa, locale e nazionale, deve essere più efficiente e concertativa che mai, per fare in modo che nessuno sia abbandonato a se stesso. Nei comparti che seguiamo, sono ancora troppe le persone che aspettano la cig, alcune addirittura da marzo: a queste si aggiungono adesso categorie di lavoratori che non possono essere messe definitivamente in ginocchio dall’emergenza”.

“Oltre alle misure già al vaglio – aggiunge il sindacalista – servono interventi mirati e articolati in base alle esigenze sul territorio, penso ad esempio al riutilizzo di alcuni locali per il co-working. Si deve fare tutto il possibile per mantenere vivo il tessuto produttivo, commerciale e turistico, asse portante di un territorio complesso come quello della Capitale”.

 

Stampa