Puglia. Clausola sociale premiale CIS. Per Taranto una sfida da vincere


Taranto, 15 gennaio 2021. La clausola sociale premiale sottoscritta tra Governo, rappresentato dal Sottosegretario alla Presidenza del consiglio Sen. Mario Turco e Parti sociali ioniche, nel contesto del Contratto Istituzionale di Sviluppo (Cis) Taranto, può e deve costituire opportunità irripetibile, non solo per ‘definire procedure volte a favorire l’impiego di lavoratori provenienti dai bacini di crisi delle aziende dei complessi industriali di Taranto’ ma anche per rappresentare occasione utile al rilancio dell’imprenditorialità ionica, alle prese anch’essa con le ricadute dirette e indirette determinate dalle molteplici criticità che hanno coinvolto le realtà produttive del territorio: è quanto sostenuto da Francesco Solazzo stamani nella videoconferenza convocata dal Prefetto di Taranto Dott. Demetrio Martino, avente per oggetto l’incontro con le Stazioni appaltanti del Cis Taranto sulla Clausola sociale premiale, cui ha partecipato lo stesso Sen. Mario Turco, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri.
“Taranto sulla Clausola sociale premiale, dovrà assumersi la grande responsabilità di fungere da apripista, tanto più che, come annunciato dal Sottosegretario Turco, tale modello sarà esteso al resto del Paese ed oltre i Cis – ha proseguito Solazzo – e sarebbe oltremodo paradossale se la mole di finanziamenti previsti per il nostro territorio, grazie all’impegno delle Istituzioni e alla capacità contrattuale posta in essere dal territorio, in tutte le sue componenti, non ottenesse ricadute significative in termini di occupazione e di redditività per le imprese; perciò occorrerà adottare strumenti di monitoraggio che consentano di incrociare velocemente domanda e offerta di lavoro e, altrettanto, concertare e promuovere formazione, competenze e professionalizzazione funzionali ad una economia sostenibile e circolare.”
Il segretario Cisl Taranto Brindisi ha aggiunto che “il nuovo scenario aperto dalla esigibilità della Clausola sociale premiale comporterà chiarezza e trasparenza negli aspetti normativi e applicativi previsti dal Protocollo, in coerenza con quello sulla legalità sottoscritto nel 2017 con la Prefettura ionica, così da porre attenzione e chiari argini a qualsivoglia forma di illegalità, con particolare riguardo all’applicazione dei Contratti nazionali e territoriali di lavoro ed alla pratica del subappalto.”
In tema di comunicazione al territorio, relativa allo stato di avanzamento del Cis, Solazzo ha conclusivamente sollecitato “un’azione informativa costante al sindacato, sia per monitorare passo dopo passo le ricadute sociali, economiche ed occupazionali, sia per determinare, mediante la conoscenza dei distinti processi, gli indubbi effetti moltiplicatori che i singoli interventi potranno determinare.”




Stampa