Calabria. Il Platano di Curinga Finalista al Contest “Albero Europeo dell’Anno”

25 febbraio 2021 - Adiconsum è l’unica associazione dei consumatori che nella sua sigla riporta la parola Ambiente per questo motivo come Adiconsum Calabria siamo fieri di sostenere la candidatura del platano di Curinga -già vincitore del Premio Albero Italiano 2020- al Contest “Albero Europeo dell’Anno” organizzato ogni anno a febbraio dall’associazione Environmental partnership association (Epa).
L’idea, che la nostra Associazione – prosegue Michele Gigliotti - condivide totalmente, è quella di sottolineare l’importanza degli alberi nel patrimonio naturale e culturale d’Europa e dei servizi ecosistemici che questi ci forniscono. Il concorso non promuove l’albero più bello, ma quello con la storia più avvincente ed affascinante come appunto quella del Platano di Curinga che è stato importato in Italia dall’Armenia da un monaco basiliano venuto in Calabria per trascorrere la sua vita monastica all’Eremo di Sant’Elia Vecchio, i cui ruderi si trovano a poche centinaia di metri dal platano. La sua notorietà, in questi ultimi anni, ha fatto si che anche l’ambasciata armena in Italia seguisse con attenzione le attività che ruotano attorno a questo esemplare diventato meta di escursionisti e tema di studio per molti ambientalisti. La leggenda narra che il platano nel corso dei suoi mille anni ha ospitato, al suo interno pastori, greggi, briganti, che hanno trovato rifugio nel suo incavo largo più di 3 metri, per fuggire dalle intemperie e ai soldati. L’albero sino a cento anni fa ha vissuto in maniera anonima, in un proprietà privata di Curinga. Era difficile anche individuarlo e arrivarci immerso com’era nel bosco di pino nero e rovi. Grazie alla sensibilità della gente del luogo negli ultimi vent‘anni questo esemplare è stato riscoperto e tutelato.
Il nostro appello a tutti i calabresi – conclude la nota -è di ritagliarsi 20 secondi-è questo il tempo che occorre per votare- per contribuire alla vittoria del nostro platano calabrese, tesoro millenario, che diventando un’attrattiva europea potrebbe rappresentare un’ottima occasione per incrementare il turismo nella nostra regione e migliorare l’economia del piccolo centro del catanzarese. Abbiamo tempo per votare fino al 28 Febbraio a questo link https://www.treeoftheyear.org/Stromy/Curinga-Plane-Tree

Stampa