Lazio: Cisl: “Atac. In Campidoglio e in piazza per ribadire che Trasporti sono un bene comune”

Roma, 26 febbraio 2021. “Oggi siamo in piazza insieme ai lavoratori per ribadire un tema cruciale: i Trasporti sono un bene Comune, e tale deve restare, a beneficio della cittadinanza e degli addetti al comparto. Contestualmente, il nostro Segretario Generale, Marino Masucci, sta prendendo parte alla seduta d’Aula del Campidoglio avente come oggetto gli esiti del referendum consultivo dell’11 novembre 2018”.
E’quanto si legge in una nota del Segretario regionale responsabile del dipartimento Mobilità della Fit-Cisl del Lazio, Roberto Ricci, in cui si aggiunge che “apprezziamo l'intenzione dichiarata dalla sindaca Raggi, ovvero quella di salvaguardare i posti di lavoro e il servizio, sia in centro che in periferia, facendo in modo che l'azienda resti pubblica. La pandemia lo ha dimostrato in modo eclatante: i servizi essenziali, quali i Trasporti, non possono essere appannaggio dei privati, ma devono restare patrimonio collettivo. La sfida da vincere, in modo condiviso, è quella di coniugare efficienza, competitività e universalità del servizio, come già avviene per l’87% delle aziende pubbliche italiane del comparto”.
“Al referendum consultivo, lo ribadiamo, ha partecipato poco più di un romano su 10 – si prosegue -: per parte nostra, restiamo al fianco della cittadinanza, che merita un servizio trasportistico gestito da chi ha a cuore il bene collettivo, e non da aziende private, legate al semplice profitto. Al contempo, siamo al fianco dei lavoratori del Tpl, che durante il momento di pandemia hanno dimostrato come non mai il loro senso di responsabilità nei confronti del ruolo che esercitano: quello di garantire, nonostante le difficoltà, la mobilità delle persone. La pianificazione e gestione di un bene collettivo come i Trasporti deve essere, appunto, comune: soltanto così si potrà garantire una mobilità capillare e democratica, un’occupazione di qualità e un futuro solido al territorio”.

Stampa