Lazio. Benedetti (Fit Cisl): "Trasporti. Presentazione “Progetto Welfare”. Decine di riunioni virtuali dedicate a delegati e lavoratori"

Roma, 29 marzo 2021. Un ciclo di riunioni, che si terranno in modalità telematica, e che sono aperte a lavoratori, simpatizzanti e iscritti: oggi si terrà il secondo incontro del ‘Progetto Welfare’, messo in campo e voluto dalla Fit-Cisl del Lazio. Una serie di occasioni per fare il punto circa l’evoluzione e le opportunità legate al Welfare aziendale, nonché momento di dialogo e vicinanza con gli iscritti anche in un periodo di restrizioni e difficili possibilità di contatti diretti. La prima riunione si è tenuta con i dipendenti della Direzione Generale autostradale, mentre oggi è il turno dei lavoratori e delegati del V Tronco e della Strada dei Parchi: a seguire saranno coperte tutte le aree contrattuali, per fare in modo che nessuno resti escluso dal progetto.
Per il Segretario regionale della Fit-Cisl Lazio con delega al Welfare, Luigi Benedetti, coordinatore del Progetto, “in un momento critico come quello che stiamo attraversando, è più che mai importante prestare attenzione al Welfare, svilupparlo al massimo e diffonderne la conoscenza. Per questo motivo abbiamo deciso di creare una squadra di sindacalisti molto preparata, pronta a rispondere a qualsiasi esigenza e a recepire i bisogni delle persone, dando il massimo per far sì che più lavoratori possibili siano informati su molte opportunità concrete, di cui spesso non sono a conoscenza. L’emergenza Covid ha portato alla luce ed acuito il malessere sociale: ora più che mai si deve puntare alla creazione di ‘valore condiviso’, attuando misure concrete per il benessere di ogni persona, lavoratore e famiglia.
“Crediamo – prosegue il sindacalista - che l’approccio al Welfare debba essere a tutto tondo e non settoriale, e abbracciare le situazioni familiari, sociali, concrete dei lavoratori nel loro complesso: è per questo motivo che tutte le aree contrattuali componenti la nostra federazione contribuiscono in rete all’iniziativa, mettendo a fattor comune le migliori esperienze e prassi di ogni dipartimento, senza distinzioni tra realtà autostradali, riguardanti i ferrovieri, gli autoferrotranvieri piuttosto che gli addetti alla logistica: in poche parole, abbiamo voluto mettere in campo un’iniziativa trasversale, che riguarda tutte le aree contrattuali, convinti che questo metodo sia virtuoso”.
“Un ringraziamento – conclude – va a Giuseppe Passacantilli, responsabile Ufficio Studi della Fit-Cisl del Lazio, a Luana Vocaturo, coordinatrice Welfare per la Fit-Cisl del Lazio, e a tutti i sindacalisti che stanno dando il massimo per il successo di un progetto che riteniamo importante”.

Stampa