Calabria. Cisl: "Almaviva Spa non chiuda al confronto con le organizzazioni dei lavoratori. Proclamata una giornata di sciopero delle reperibilità"



Lamezia Terme, 04.04.2021 - «Per quanto possa apparire paradossale in un settore in crescita e sempre più fondamentale per lo sviluppo come quello dell’informatica – affermano Tonino Russo, Segretario generale della CISL calabrese e Ciro Bacci, Segretario generale della FIM-CISL Calabria –, Almaviva Spa, azienda operante in tutto il Paese, chiude al confronto con le organizzazioni dei lavoratori e intende procedere unilateralmente sull’aumento dell’orario di lavoro e la diminuzione del salario contrattato, abolendo la parte fissa del PDR (a giugno) e assorbendo i tre quarti degli aumenti contrattuali stabiliti dal CCNL. E sullo Smart Working, in cui è attualmente impegnato oltre il 90% dei dipendenti, l’azienda dichiara l’intenzione di diminuire il valore del buono pasto, negando ogni apertura anche sulle dotazioni tecnologiche e strumentali necessarie per quel lavoro che i dipendenti stanno garantendo nella situazione di emergenza sanitaria ed economica che l’Italia, l’Europa e il mondo intero stanno vivendo.
Di fronte all’intenzione di Almaviva Spa di non rispettare accordi sottoscritti, le OO.SS. hanno dichiarato uno sciopero delle reperibilità, degli straordinari e di 8 ore per una giornata nella prossima settimana, uno sciopero che riguarderà anche la Calabria.
I lavoratori, che hanno contribuito in maniera significativa, con il loro impegno e con sacrifici che hanno investito l’aspetto salariale, a superare una fase di crisi che ha segnato negli anni scorsi il percorso di Almaviva Spa, invitano l’azienda a riflettere sul valore delle relazioni industriali e di un confronto che in un passato anche recente si è rivelato positivo e produttivo di buoni risultati. Le contrapposizioni sterili – concludono Russo e Bacci – rischiano di generare fasi conflittuali difficilmente ricomponibili che, in questo momento di grave difficoltà della nostra regione dell’intero Paese, non giovano a nessuno».

Stampa