#EmergenzAbruzzzo. Cgil, Cisl, Uil ai Parlamentari abruzzesi: "Subito un incontro"

terremoto vigili fuoco26 Gennaio 2017 - "Il dramma che sta vivendo l'Abruzzo con le scosse di terremoto degli ultimi giorni, le violente nevicate, le alluvioni richiedono un impegno concreto che metta in sicurezza le popolazioni e il territorio e che dia risposte ai grandi disagi che i cittadini stanno vivendo" Così i Segretari regionali di Cgil, Cisl, Uil Sandro Del Fattore, Maurizio Spina, Roberto Campo in una nota congiunta nella quale chiedono alla Regione di attivarsi subito presso il Governo nazionale per chiedere: di poter prorogare gli interventi di cig e mobilità in deroga perchè possano essere adottati nelle aree colpite dalle recenti calamità naturali (neve, terremoto, alluvioni,....) in particolare per venire incontro ai lavoratori delle piccole e piccolissime imprese attualmente esclusi dagli ammortizzatori sociali ordinari o soggetti al FIS o ai Fondi di solidarietà bilaterali; di potere utilizzare immediatamente le eventuali risorse residue dei fondi già assegnati dal D. Lgs. 185 del 24/09/2016 e successive circolari (Ministero Lavoro, 34 del 4/11/2016 ed Inps, 217 del 13/12/2016); di richiedere ulteriori assegnazioni di fondi, in relazione alle richieste che perverranno nei prossimi giorni.

"Numerosi lavoratori, inoltre,- ricordano  i segretari  - dipendenti da imprese individuali, artigiane, del commercio e dei servizi sono rimasti senza lavoro. Molte famiglie hanno difficoltà ad approvvigionarsi dei beni di prima necessità. Nell’attuale situazione, è invece assolutamente necessario poter contare su strumenti operativi di sostegno del reddito rapidi, efficaci, monitorati". Cgil, Cisl e Uil richiedono quindi un incontro urgente ai Parlamentari.

 

Leggi anche:

Terremoto. Terremoto. "I vigili del fuoco, un esempio di impegno professionale e di serietà per tutto il paese. Subito un tavolo di confronto sui contratti"
22 Gennaio 2017- "I Vigili del fuoco arrivati da tutta Italia nonostante le condizioni metereologiche proibitive, infaticabili, che continuano in...

Stampa