Pensioni. #passodopopasso: In Abruzzo e Molise la Cisl prosegue l'intesa con il Governo

Abruzzo/Molise, 1 Dicembre 2017. "Se non si fosse deciso di proseguire il confronto con il Governo, i 300 milioni stanziati sulla previdenza che si sommano ai 7 miliardi dello scorso anno sull'Ape social, avrebbero preso altre strade. Noi invece i risultati vogliamo portarli a casa, lavoriamo concretamente per le persone, per i delegati, per la nostra gente." Così ha esordito la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, intervenendo ieri all'Assemblea interregionale della Cisl del Lazio, Marche, Abruzzo e Molise, convocata per discutere direttamente con i lavoratori dei risultati ottenuti nell'ultimo confronto con il Governo. All'Auditorium Antonianum, davanti ad oltre mille lavoratori, delegati, pensionati, disoccupati, giovani e donne (la metà provenienti dall'Abruzzo e dal Molise), la segretaria ha proseguito: Abbiano ottenuto lo sblocco della contrattazione per i lavoratori della PA, l'accoglimento dentro la finanziaria del progetto contro la povertà, l'intesa sulla previdenza con il blocco dell'innalzamento dell'età pensionabile e abbiamo condiviso la scelta sulla decontribuzione del 50% al nord e del 100% al sud per il lavoro giovanile, vera priorità del Paese". Molto soddisfatto dell'esito della giornata il segretario generale della Cisl Abruzzo Molise Leo Malandra: “La nostra organizzazione ha messo al centro della sua azione la difesa del lavoro, la creazione di nuove opportunità per i giovani ed il superamento delle regole inique della legge Fornero. All'assemblea odierna erano presenti centinaia di lavoratori abruzzesi e molisani. Non siamo ancora soddisfatti, vogliamo adesso confrontarci, in tutte le sedi, con i lavoratori, i disoccupati, i pensionati, i giovani, le donne e gli immigrati della CISL per spiegare le ragioni del nostro giudizio positivo sull’intesa nazionale che modifica e integra il Jobs act e la legge di stabilità in via di approvazione. Lo sciopero e lo scontro non aiutano a farci uscire dalla crisi, non serve fermare il Paese;” - continua Malandra - è invece necessario un confronto serio con tutta la politica e con il Governo. L’approvazione da parte della commissione Bilancio del Senato dell'emendamento sulle pensioni, che recepisce proprio il contenuto dell'intesa sottoscritta lo scorso 21 novembre con il sindacato, è un primo risultato fondamentale per iniziare un processo di riforma. Sono tante le cose da cambiare, ma per farlo c'è bisogno di un'azione svolta con continuità e costanza. La Cisl sta proseguendo il confronto con i gruppi parlamentari della Camera e Senato, in attesa dell’approvazione definitiva di tutto il pacchetto pensioni e della Legge di Bilancio. “Solo attraverso un dialogo costruttivo possiamo ricercare e concordare soluzioni per il lavoro e l’equità sociale. Vogliamo ridare fiducia e speranza alle persone in difficoltà economica. Il lavoro è una priorità, una scelta centrale che Regione e Governo sono chiamati a sostenere. Bisogna far ripartire la crescita, creando nuove opportunità di lavoro e favorendo con ogni mezzo la ripresa del sistema produttivo, - afferma Malandra “.

Leggi anche:

Pensioni. #passodopopasso. Dai delegati via libera ai contenuti dell'intesa Furlan: Pensioni. #passodopopasso. Dai delegati via libera ai contenuti dell'intesa Furlan: "Siamo sindacato al 100% ed il nostro compito è portare a casa risultati per tutti i lavoratori"
Arezzo, 1° dicembre 2017 . Si è svolta ad Arezzo l’ultima delle dieci iniziative programmate dalla CISL con la partecipazione dei delegati per...

Stampa